sabato 03 dicembre | 01:17
pubblicato il 01/feb/2014 11:04

Giustizia: Cancellieri, riforme possibili non sono quelle migliori

(ASCA) - Firenze, 1 feb 2014 - Le riforme ''possibili'' non sono sempre quelle ''migliori''. Lo ha detto Anna Maria Cancellieri, ministro delle Giustizia, intervenendo in Palazzo Vecchio a Firenze, all'apertura dell'anno giudiziario dei penalisti. Riprendendo il titolo della cerimonia 'Le riforme possibili', la Cancellieri ha sottolineato che ''le riforme possibili non sono quelle migliori, assumendo in questa definizione - va da se' - un punto di vista spiccatamente soggettivo, ma sono quelle che danno le maggiori garanzie di buon funzionamento.

Mi sento di affermare che solo le riforme possibili, intese nel senso che ho appena esposto, sono le riforme utili e giuste, perche' magari hanno sacrificato qualche aspetto di maggiore apprezzabilita' tecnica, ma cio' hanno fatto in nome di un rafforzamento della capacita' di cambiare realmente l'esistente in un contesto di accresciuta partecipazione democratica. E' con questo programma ideale che, appena insediata al Ministero della Giustizia, ho provveduto a istituire commissioni e gruppi di studio in numero consistente, ben cinque, a composizione mista, avvocati, magistrati, professori''. Pero', ha precisato, ''non e' soltanto ai risultati degli studi e degli approfondimenti posti in essere dalle Commissioni che volgo la mia attenzione. Se cosi' facessi, verrei in qualche modo meno ad un primo e preciso dovere, di assunzione di responsabilita' circa le scelte da fare; come se mi servissi delle Commissioni non gia' per formare la base solida di un piu' ampio lavoro di riforma, ma per schermarmi dalle inevitabili critiche che l'annuncio di una iniziativa legislativa provoca.

Il mio compito, condivisa l'elaborazione delle Commissioni, e' di tentare un passo in piu', pur sempre mosso nella direzione tracciata da quelle riflessioni; e di saper rinunciare, magari, a qualche piu' coraggioso suggerimento, quando mi rendo conto che il contesto politico-parlamentare non e' per nulla favorevole, assai poco disponibile gia' all'avvio di un confronto approfondito su quel tema. Il ruolo politico - ha concluso - chiama ad un dovere di ascolto e di mediazione, che si adempie in piu' momenti e su piu' piani, ma sempre nella prospettiva di maggiore soddisfacimento dell'interesse collettivo''.

afe/mar

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Renzi: brogli voto estero? Film che ritorna da chi teme sconfitta
Riforme
Referendum, Salvini: voto estero comprato ma no vincerà comunque
Riforme
Renzi: col Sì Italia più forte in Ue su crescita e immigrazione
Riforme
Politici, vip e costituzionalisti, tutti divisi al referendum
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari