venerdì 09 dicembre | 15:23
pubblicato il 03/feb/2012 05:10

Giustizia/ Camera, ok responsabilità toghe. Anm minaccia sciopero

Bersani: "E' stata la destra. A rischio salvataggio Italia"

Giustizia/ Camera, ok responsabilità toghe. Anm minaccia sciopero

Roma, 3 feb. (askanews) - Un tuffo nel passato: un voto segreto della Camera, proposto dalla Lega ed evidentemente 'non sgradito' al Pdl, ricompatta gli antichi alleati, spacca la fragile maggioranza che sostiene il Governo Monti e riporta i magistrati sul piede di guerra. L'emendamento del leghista Gianluca Pini che introduce la responsabilità civile diretta del magistrato anche per "violazione manifesta del diritto" arroventa le mailing list delle toghe e spinge il segretario dell'Anm Giuseppe Cascini a minacciare "proteste anche estreme", cioè lo sciopero. In realtà, insieme agli applausi in aula del gruppo del Pdl dopo il voto, l'evento è il frutto, dice la matematica, di una maggioranza al di là dei confini del vecchio centrodestra e di una ex opposizione molto indebolita, rispetto ad altri voti del passato su temi analoghi: 264 sì, 211 no, e c'è chi parla di una "difesa di casta" di fronte alle inchieste che toccano vari partiti. Sono due i fronti dello scontro che si apre: uno quello non nuovo tra Pdl-Lega e magistrati; l'altro parlamentare, perché ufficialmente le forze principali che sostengono l'Esecutivo, Pdl, Pd, Terzo polo, avrebbero dovuto votare contro (in conformità al parere del Governo) e invece, pur negando responsabilità esclusive, di fatto il Pdl ha rivendicato, nei commenti, il contenuto della norma. "Il fronte trasversale è una 'cazzata', è stata la destra", ha detto il leader Pd Pier Luigi Bersani. "Una forza politica non può dichiarare un'intenzione di voto e poi votare in maniera opposta a quel che ha detto con tanto di applauso corale". In ogni caso, ha ammonito, "siamo qui a salvare l'Italia ma così facendo si rischia di compromettere quel che stiamo facendo". Il Governo, insomma, è chiamato in causa, anche se il voto di oggi, ha minimizzato il sottosegretario alla Presidenza Antonio Catricalà, "non credo che porterà problemi alla maggioranza". Prudentissima la reazione del ministro della Giustizia Paola Severino: "Confidiamo che in seconda lettura si possa discutere qualche miglioramento", ha detto. Nessun intervento urgente domani in Consiglio dei ministri, dicono fonti governative, ma la guardasigilli e i suoi colleghi di Governo si metteranno al lavoro per disinnescare la mina al Senato attraverso un emendamento.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Governo
Renzi domani torna a Roma, oggi pranzo dal padre e poi a Messa
Governo
Crisi, Grillo: elezioni subito senza scuse, legge elettorale c'è
Governo
Braccio di ferro nel Pd, Renzi tiene punto: governo con tutti
Governo
Emiliano: Renzi si dimetta anche da segretario del Pd
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Veronafiere, Usa: le regole import sui vini biologici
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina