venerdì 09 dicembre | 13:06
pubblicato il 14/mar/2011 08:47

Giustizia/ Bindi: Questa è solo una riforma della magistratura

Presidente del Pd dice no alle aperture di Alfano

Giustizia/ Bindi: Questa è solo una riforma della magistratura

Roma, 14 mar. (askanews) - Ieri Silvio Berlusconi si è autodefinito "coraggioso, temerario, anche un po' eroico e forse un po' matto" a fare una riforma della Giustizia proprio mentre è attaccato da quello che definisce il complotto della magistratura, "sono sotto cinque processi, di cui uno civile terribile, perché mi si chiede una montagna di soldi". Oggi, intervistata da La Stampa, Rosy Bindi si chiede se "una riforma costituzionale la possa fare una maggioranza numerica e non politica, con un presidente del Consiglio imputato di prostituzione minorile, concussione, corruzione di testimoni, evasione fiscale". Così la presidente del Pd alla Stampa, chiudendo la porta a eventuali trattative sulla riforma proposta dal governo Berlusconi. E a Pierferdinando Casini che invita il Pd a non "salire sull'Aventino" risponde "noi non siamo sull'Aventino ma in Parlamento, dove sul tema della giustizia le nostre proposte sono depositate da inizio legislatura". Bindi sottolinea: "noto che il processo breve, così come la legge sulle intercettazioni, non sono state ritirate e che dunque il canale parallelo delle leggi ad personam non è interrotto". E al ministro della Giustizia Angelino Alfano, che ieri ha promesso di "proporre il ritiro della norma transitoria dal processo breve", replica "questa cosiddetta disponibilità del Guardasigilli assomiglia tanto a un prendere o lasciare". E Bindi rilancia: "Chiedo ad Alfano: è disposto lui a discutere le nostre proposte? La loro non è una riforma della giustizia, ma una riforma costituzionale sulla magistratura, che non porterà ai cittadini alcun vantaggio nel medio periodo: mancano interventi sull'organizzazione, sulle risorse, sulle procedure civili e penali". Comunque, in riferimento alle aperture di Casini e Gianfranco Fini verso la riforma, Bindi aggiunge "nel tempo che ci separa dalle elezioni dobbiamo preoccuparci di costruire il dopo-Berlusconi con un'alleanza di governo larga... E non sarà possibile ricostruire il paese senza un'alleanza fra progressisti e moderati".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Governo
Pontassieve riaccoglie Renzi: "non molli ora, deve andare avanti"
Governo
Renzi domani torna a Roma, oggi pranzo dal padre e poi a Messa
Governo
Crisi, Grillo: elezioni subito senza scuse, legge elettorale c'è
Governo
Braccio di ferro nel Pd, Renzi tiene punto: governo con tutti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
L'armonia di Umbria jazz sposa l'eccellenza dei vini di Orvieto
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina