mercoledì 22 febbraio | 17:03
pubblicato il 28/mar/2011 17:37

Giustizia/ Bersani: Alla Camera emendamenti-trucco impresentabili

Ci opporremo. Non siamo partito giudici ma pensiamo ai cittadini

Giustizia/ Bersani: Alla Camera emendamenti-trucco impresentabili

Roma, 28 mar. (askanews) - Il Pd è disposto a ragionare solo di una vera riforma della giustizia, ma gli emendamenti presentati dalla maggioranza alle leggi in discussione alla Camera per introdurre la prescrizione breve e allargarwe la responsabilitèà civile dei magistrati sono "impresentabili" e i democratici faranno "tutta l'opposizione possibile". Lo ha detto il segretario Pd Pier Luigi Bersani durante una conferenza stampa. "Saremo radicalmente contro le iniziative che si sono inserite con emendamenti scelte impresentabili, non siamo affatto partito dei giudici e magistrati, pronti a disturbarli purché serva a fare giustizia che serve ai cittadini, abbiamo una proposta di legge su questo". "Faccio notare - ha aggunto - che c'è un'agenda parlamentare invasa da trucchi. Faremo tutta l'opposizione possibile".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Pd nomina commissione congresso, Emiliano si candida a primarie
Consip
Di Maio: Renzi vuoti il sacco su donazione da Alfredo Romeo
Pd
Pd, Orfini: dopo Emiliano spero ci ripensino Rossi e Speranza
Pd
Speranza: Emiliano resta nel Partito di Renzi, noi no
Altre sezioni
Salute e Benessere
Carnevale, allarme dermatologi: attenzione a trucchi e maschere
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
150 ettari oliveto sul mare a Menfi, prende vita progetto Planeta
Turismo
Lourdes, destinazione turistica a 360 gradi
Energia e Ambiente
Energia, nanosfere di silicio per finestre fotovoltaiche economiche
Moda
Il business della Moda porta a Milano 1,7 miliardi al mese
Scienza e Innovazione
Spazio, astronauti italiani e cinesi lavoreranno fianco a fianco
TechnoFun
La Cina leader nel mondo delle app per abbellire i selfie
Sistema Trasporti
De Caro, alta velocità Brescia-Verona a marzo ok da Cipe