domenica 04 dicembre | 17:47
pubblicato il 05/mar/2011 16:00

Giustizia/ Berlusconi: Riforma epocale, basta attacchi sinistra

"Usa scorciatoia giudiziaria. Ma ora mi difendo"

Giustizia/ Berlusconi: Riforma epocale, basta attacchi sinistra

Avezzano, 5 mar. (askanews) - Silvio Berlusconi rilancia: sulla giustizia il centrodestra "darà vita a una riforma epocale" e andrà avanti su tutto, a partire dalla riforma delle intercettazioni, visto che ormai "sono venuti meno i no preventivi" che Fini diceva "quando presentavamo provvedimenti sulla giustizia". In collegamento telefonico con una convention di 'Noi riformatori' in Abruzzo, il presidente del Consiglio è tornato anche ad attaccare l'opposizione: "Tutti sostengono che io attacco le istituzioni. Noi abbiamo questa palla al piede della sinistra, una sinistra che si inventa di tutto, adesso anche un mio attacco alle istituzioni, mentre è falso, sono io che subisco attacchi senza soluzione di continuità da 17 anni". Già stamattina, in un messaggio inviato alla prima Conferenza nazionale sul lavoro e occupazione femminile del Pdl, il premier aveva contestato alla "sinistra" di non esitare "di fronte a nulla nell'ultimo disperato tentativo di ottenere con scorciatoie mediatico-giudiziarie quello che non riesce a ottenere nelle urne. Chi cerca di strumentalizzare politicamente le donne non le difende, ma le mortifica". Ma Berlusconi - durante la telefonata in Abruzzo - ha colto l'occasione anche per sgombrare il campo da ipotesi di voto anticipato: "Non ci saranno elezioni politiche anticipate. Sarebbe veramente un danno - ha detto - per il nostro Paese dare un segnale di non avere stabilità di governo: sia per la finanza internazionale, che per quanto succede in Egitto in Tunisia e in Libia, è molto importante avere un governo stabile e nel pieno dei poteri". Dopotutto, secondo il premier, "i sondaggi ci dicono che siamo sempre il primo partito in Italia, nonostante gli attacchi della sinistra e dei giornali: siamo al 30,6% quindi andiamo avanti con grande consenso", sottolineando che la sua maggioranza può contare sul 51% degli italiani e che è ora più solida anche grazie al fatto che non c'è più Fini con i suoi "no pregiudiziali a ogni riforma della giustizia".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum, seggi aperti in tutta Italia: sì o no a riforma Renzi
Riforme
Referendum,voto cattolico plurale:da no Family day a sì gesuiti
Riforme
Vigilia del voto, Sì e No si accusano di violare il silenzio
Riforme
Referendum, quante volte è cambiata la Costituzione dal '48 a oggi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari