sabato 21 gennaio | 11:35
pubblicato il 27/mag/2011 16:30

Giustizia/ Berlusconi: E' patologia, l'ho detto a tutti i leader

E attacca anche i giornalisti: 'Vergognatevi'

Giustizia/ Berlusconi: E' patologia, l'ho detto a tutti i leader

Roma, 27 mag. (askanews) - Nonostante le polemiche per la frase rivolta da Silvio Berlusconi a Barak Obama sulla "dittatura dei giudici di sinistra", il presidente del Consiglio non arretra di un millimetro, e anzi rilancia. "La giustizia in Italia è una patologia, e ne ho parlato non solo con Obama ma anche con tutti i leader". Perchè "è un problema gravissimo" e colpevoli semmai sono i giornalisti che non ne parlano in questi termini. E dunque "vergognatevi", dice il premier agli inviati italiani al G8 di Deauville. La determinazione del Cavaliere è dunque quella di riformare la giustizia: "Non lascerò fino a quando non l'avrò cambiata, e ora è possibile". Del resto che il tema continui ad occupare i pensieri di Berlusconi lo dimostra l'altro video diffuso oggi, in cui il premier discute con il presidente russo Medvedev dei suoi processi, e lo stesso inizio della conferenza stampa, aperta leggendo una nota dedicata alle polemiche per la conversazione con Obama e che delinea la linea difensiva del premier: "Ritengo mio preciso dovere istituzionale spiegare" ai capi di Stato stranieri "quale sia la situazione in Italia anche in relazione a vicende che potrebbero minare la credibilità di chi guida il Paese". Così facendo "ho difeso l'istituzione Presidente del Consiglio", che "oltre alla sua intelligenza e ai 28 anni di esperienza in politica estera deve anche avere un prestigio non diminuito" dalle accuse dei pubblici ministeri. Ricevendo dai leader mondiali non una risposta nel merito, ammette, ma comunque "nessun distacco", anzi "grande amicizia e sostegno". Berlusconi insiste dipingendo un'Italia devo sono "venuti meno i bilanciamenti costituzionali", vittima della "intollerabile interferenza di alcuni magistrati della pubblica accusa nei confronti dei rappresentanti del popolo democraticamente eletti". Con l'obiettivo di "togliermi dalla scena politica per aiutare quella sinistra che non è riuscita con il responso delle urne". Ecco perchè la 'mission' che il premier si impone è quella di riformare il settore: "Non lascerò la politica finché non ci sarà una giustizia giusta con dei giudici che giudicano secondo merito e non perché un imputato è amico o nemico". Obiettivo che secondo Berlusconi ora è a portata di mano.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Pd, Renzi al Nazareno incontra big del partito
Craxi
Berlusconi: mi manca Craxi, è stato vittima di un golpe
Terremoti
Terremoto, Finocchiaro: stanziati 30 milioni per l'emergenza
Maltempo
Rigopiano, Gentiloni: grazie a chi salva vite, forza e coraggio
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4