mercoledì 22 febbraio | 03:00
pubblicato il 27/mag/2011 16:30

Giustizia/ Berlusconi: E' patologia, l'ho detto a tutti i leader

E attacca anche i giornalisti: 'Vergognatevi'

Giustizia/ Berlusconi: E' patologia, l'ho detto a tutti i leader

Roma, 27 mag. (askanews) - Nonostante le polemiche per la frase rivolta da Silvio Berlusconi a Barak Obama sulla "dittatura dei giudici di sinistra", il presidente del Consiglio non arretra di un millimetro, e anzi rilancia. "La giustizia in Italia è una patologia, e ne ho parlato non solo con Obama ma anche con tutti i leader". Perchè "è un problema gravissimo" e colpevoli semmai sono i giornalisti che non ne parlano in questi termini. E dunque "vergognatevi", dice il premier agli inviati italiani al G8 di Deauville. La determinazione del Cavaliere è dunque quella di riformare la giustizia: "Non lascerò fino a quando non l'avrò cambiata, e ora è possibile". Del resto che il tema continui ad occupare i pensieri di Berlusconi lo dimostra l'altro video diffuso oggi, in cui il premier discute con il presidente russo Medvedev dei suoi processi, e lo stesso inizio della conferenza stampa, aperta leggendo una nota dedicata alle polemiche per la conversazione con Obama e che delinea la linea difensiva del premier: "Ritengo mio preciso dovere istituzionale spiegare" ai capi di Stato stranieri "quale sia la situazione in Italia anche in relazione a vicende che potrebbero minare la credibilità di chi guida il Paese". Così facendo "ho difeso l'istituzione Presidente del Consiglio", che "oltre alla sua intelligenza e ai 28 anni di esperienza in politica estera deve anche avere un prestigio non diminuito" dalle accuse dei pubblici ministeri. Ricevendo dai leader mondiali non una risposta nel merito, ammette, ma comunque "nessun distacco", anzi "grande amicizia e sostegno". Berlusconi insiste dipingendo un'Italia devo sono "venuti meno i bilanciamenti costituzionali", vittima della "intollerabile interferenza di alcuni magistrati della pubblica accusa nei confronti dei rappresentanti del popolo democraticamente eletti". Con l'obiettivo di "togliermi dalla scena politica per aiutare quella sinistra che non è riuscita con il responso delle urne". Ecco perchè la 'mission' che il premier si impone è quella di riformare il settore: "Non lascerò la politica finché non ci sarà una giustizia giusta con dei giudici che giudicano secondo merito e non perché un imputato è amico o nemico". Obiettivo che secondo Berlusconi ora è a portata di mano.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Pd nomina commissione congresso, Emiliano si candida a primarie
Consip
Di Maio: Renzi vuoti il sacco su donazione da Alfredo Romeo
Pd
Pd, Prodi: la scissione è un suicidio, non posso rassegnarmi
Pd
Pd, Emiliano: non faccio a Renzi il favore della scissione
Altre sezioni
Salute e Benessere
Percorso rapido per emergenze al Fatebenefratelli Roma
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Peroni Senza Glutine sul podio del World Gluten Free Beer Award
Turismo
Lourdes, destinazione turistica a 360 gradi
Energia e Ambiente
Energia, nanosfere di silicio per finestre fotovoltaiche economiche
Moda
Il business della Moda porta a Milano 1,7 miliardi al mese
Scienza e Innovazione
Elicotteri italiani AW-139 in Pakistan, nuovo ordine per Leonardo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Il mondo in coda: strade sempre più trafficate, anche in Italia