mercoledì 22 febbraio | 03:05
pubblicato il 02/apr/2014 15:33

Giustizia: Bergamini (FI), nonostante sanzioni la riforma non si vede

(ASCA) - Roma, 2 apr 2014 - ''Ormai l'Italia e' abituata a subire sanzioni per il mancato rispetto della Carta Europea dei Diritti dell'Uomo: ogni anno il Consiglio d'Europa ci richiama per non aver ottemperato ai nostri doveri, sia nei confronti dei cittadini italiani, sia nei confronti della Corte di Strasburgo stessa''. Cosi' la responsabile comunicazione di Forza Italia, Deborah Bergamini, commenta, ai microfoni di Gr Parlamento, il rapporto sulle esecuzioni delle sentenze della Corte di Strasburgo, che vede l'Italia con il record negativo di indennizzi. ''Eppure - prosegue - sulla riforma della giustizia, che sempre piu' spesso viene evocata, non si registrano passi avanti''.

''Nonostante questi richiami riguardino per lo piu' il fronte civile, non dobbiamo farci trarre in inganno, perche' - conclude Bergamini - e' tutto il sistema giudiziario, civile e penale, che non funziona. Mi auguro che anche le altre forze politiche ne prendano atto e si comportino di conseguenza''.

com/vlm

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Pd nomina commissione congresso, Emiliano si candida a primarie
Consip
Di Maio: Renzi vuoti il sacco su donazione da Alfredo Romeo
Pd
Pd, Prodi: la scissione è un suicidio, non posso rassegnarmi
Pd
Di Maio (M5s): elettori Pd disorientati, guardano a noi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Percorso rapido per emergenze al Fatebenefratelli Roma
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Peroni Senza Glutine sul podio del World Gluten Free Beer Award
Turismo
Lourdes, destinazione turistica a 360 gradi
Energia e Ambiente
Energia, nanosfere di silicio per finestre fotovoltaiche economiche
Moda
Il business della Moda porta a Milano 1,7 miliardi al mese
Scienza e Innovazione
Elicotteri italiani AW-139 in Pakistan, nuovo ordine per Leonardo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Il mondo in coda: strade sempre più trafficate, anche in Italia