martedì 06 dicembre | 07:08
pubblicato il 08/mar/2013 12:11

Giustizia: Anci, su accorpamento tribunali inaccettabile scaricabarile

(ASCA) - Roma, 8 mar - '''Un nuovo e ulteriore scaricabarile che penalizza ancora una volta i Comuni''. A lanciare l'allarme e' Furio Honsell, Sindaco di Udine, facendo riferimento alle norme sull'accorpamento dei tribunali '''che nella sostanza - spiega - scaricano sui Comuni i problemi gestionali che ne discendono''. '''E' una situazione insostenibile - aggiunge Honsell - anche perche' si chiede ai Comuni di farsi carico di spese non previste (e spesso non di lieve entita') senza che vengano garantite le coperture statali''.

'''La Giustizia - ricorda - non e' una funzione propria dei Comuni. E' una funzione statale. E lo Stato deve essere in grado di assicurarla. In questo modo, invece, lo Stato mantiene la titolarita' della funzione, ma ne scarica i costi sui Comuni. E questo e' immorale; anche in considerazione delle progressive e drammatiche decurtazioni, da parte dello Stato, dei fondi Comunali. Tagli che hanno portato molti Enti ad una situazione prossima al dissesto, e che non consentono di garantire i servizi dei quali i Comuni sono titolari''. '''In una situazione del genere - afferma ancora Honsell - aggravare ulteriormente la situazione dei bilanci comunali e' sbagliato, irrispettoso e sciocco. Non e' diffondendo il contagio ''da dissesto' che si rimette in moto il Paese''. '''Ma c'e' di piu' - sottolinea il Sindaco di Udine - e, se possibile, il paradosso si fa persino imbarazzante. Solo giorni fa - rileva - il Ministero di Grazia e giustizia, in applicazione di un decreto legislativo, ha pubblicato il regolamento attraverso il quale i Comuni possono ''salvare i 667 uffici dei Giudici di pace'. Un salvataggio che dovrebbe essere fatto prendendo in carico anche quei costi. Torno a dire - aggiunge Honsell - che la Giustizia e' una competenza esclusivamente statale. Chiedere ai Comuni di farsi carico dei suoi costi e' cosa inammissibile. Soprattutto - aggiunge - non vorrei che qualcuno, nella eventuale e malaugurata ipotesi di chiusura degli uffici dei giudici di pace, se ne uscisse attribuendone la responsabilita' ai Comuni. Questo sarebbe veramente intollerabile''. '''L'accorpamento di tutte le sedi staccate del Tribunale e della Procura a Udine, tra costi di locazione e spese di funzionamento, comportera' un aumento di spesa di circa il 50% rispetto al costo attuale. Questa doveva essere davvero una riforma a costo zero - conclude Honsell-, ma in questo modo lo e' soltanto per lo Stato''.

com/rus

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Italicum a rischio, è già dibattito sulla nuova legge elettorale
Riforme
Dopo il voto Renzi dimissionario al Colle. Mattarella arbitro
Governo
M5S vuole il voto subito. Ma Di Maio premier non convince tutti
Governo
Stamattina colloquio informale Mattarella-Renzi al Quirinale
Altre sezioni
Salute e Benessere
Diabete, arriva in Italia penna con concentrazione doppia insulina

Roma, 5 dic. (askanews) - Un'iniezione "morbida", più facile, e una penna con il doppio delle unità di insulina disponibili per ridurre il numero di device da gestire: un...

Enogastronomia
Festa a Roma con Heinz Beck per i 30 anni del Gambero Rosso
Turismo
Eden Travel Group, il SalvaVacanza spinge l'advance booking
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Spazio, nuovo successo per il razzo italiano Vega
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari