sabato 21 gennaio | 16:31
pubblicato il 09/mar/2011 16:53

Giustizia/ Alfano al Quirinale, riforma ai nastri di partenza

'No' di Bersani: Copre leggi ad personam. Togati Csm in allarme

Giustizia/ Alfano al Quirinale, riforma ai nastri di partenza

Roma, 9 mar. (askanews) - Ore decisive per la riforma costituzionale della giustizia: il ministro Angelino Alfano sale nel pomeriggio al Quirinale per illustrare la bozza del ddl che sarà oggetto del Consiglio dei ministri straordinario convocato per domattina alle 9. Più tardi, attorno alle 19 il Guardasigilli illustrerà la bozza di riforma anche alla 'terza gamba' della maggioranza, i Responsabili, finora un po' a margine del procedimento dell'elaborazione del provvedimento. E domani, dopo il Cdm, tour de force di comunicazione per il ministro: convegno sulla giustizia al Senato e registrazione di Porta a Porta. Tra le opposizioni si mettono a punto i diversi atteggiamenti tattici: terzopolisti più dialoganti, nettamente contrari Idv e Pd. Secondo Pier Luigi Bersani la riforma è una "manovra per dare copertura politica alle 'leggi ad personam' che certamente non sono finite". Mentre Antonio Di Pietro ha commentato: il ddl Alfano "è una violazione della Costituzione grossa quanto una casa e offende sia i padri costituenti sia il principio fondamentale della nostra Carta: la legge è uguale per tutti". Prudente il vicepresidente del Csm Michele Vietti: qualsiasi giudizio ora, ha osservato, sarebbe "intempestivo". Intanto il pianeta giustizia è già in subbuglio: stamattina i consiglieri 'togati' del Csm hanno lanciato l'allarme sul "clima torbido" che starebbe addensando sui magistrati e sullo scarso interesse del ministro alla "leale collaborazione istituzionale" con il Consiglio. Il Giornale ha pubblicato, con tanto di nomi, cognomi e indirizzi email, i messaggi riservati che circolano nelle mailing list dei magistrati, in queste ore rese bollenti dall'indignazione per le anticipazioni sui contenuti della riforma. La giunta dell'Anm in queste ore sta discutendo proprio delle pressioni che montano dalla base della magistratura per una mobilitazione 'epocale' contro il ddl Alfano. Ma finora la magistratura associata ha preferito non prendere posizione ufficialmente, in attesa di conoscere le norme che verranno portate in Parlamento ed è probabile che nessuna iniziativa venga annunciata fino a quando non ci sarà un testo 'ufficiale'.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Prodi: alla sinistra serve un nuovo riformismo
Governo
Grasso: legislatura duri fino a 2018 per recuperare tempo perduto
M5s
Ue, Grillo: Alde? Si vergogni chi si è rimangiato la parola data
Fi
Fi: sostegno Berlusconi a Prodi? Accuse Salvini paradossali
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4