martedì 28 febbraio | 02:36
pubblicato il 26/gen/2012 19:57

Giustizia/ Al via anno giudiziario,sul tavolo tema prescrizione

Vietti: Stop quando parte giudizio. Lupo: Punire abuso processo

Giustizia/ Al via anno giudiziario,sul tavolo tema prescrizione

Roma, 26 gen. (askanews) - L'inaugurazione dell'anno giudiziario senza le proteste dei magistrati è quasi una notizia in sé, ma quest'anno l'effetto del 'passo a lato' di Silvio Berlusconi da palazzo Chigi l'aveva reso prevedibile. Il vecchio clima di contrapposizione fra Governo e magistratura ha lasciato il posto alla protesta meno clamorosa degli avvocati, sul piede di guerra contro Monti per le liberalizzazioni. Ma anche se il ministro della Giustizia Paola Severino preferisce calcare come sempre la mano sul tema dell'efficienza oltre che su quello del sovraffollamento delle carceri su cui si è impegnata in prima persona con un decreto, un tema politico potenzialmente 'caldo' è emerso ugualmente dalla cerimonia annuale in Cassazione: sia il primo presidente della Cassazione, Ernesto Lupo, sia il vicepresidente del Csm Michele Vietti, hanno messo sul tavolo il tema delicatissimo della prescrizione che rende impuniti troppi reati. Lupo ha parlato apertamente di "abuso del processo" che "potendo contribuire alla prescrizione dei reati, può persino sottrarre il reo alla punizione" ed ha chiesto al legislatore di "porre un argine" a "condotte irrispettose della funzione giudiziaria e dolosamente dirette a ritardarne l'esito, che in altri ordinamenti sono penalmente sanzionate". Inoltre ha ricordato la raccomandazione dell'Ocse sulla necessità di "un adeguato prolungamento dei termini di prescrizione" in tema di corruzione. "I reati che destano effettivo allarme sociale siano giudicati - ha detto dal canto suo Vietti - con sentenze di merito e non finiscano nell'oblio a causa di un meccanismo della prescrizione che premia l'imputato a scapito della pretesa punitiva dello Stato e delle ragioni delle parti offese". Una proposta illustrata in mattinata in una intervista a Repubblica: "Fermiamo la prescrizione quando il giudice stabilisce che il processo va fatto", ha proposto il vicepresidente dell'organo di autogoverno delle toghe.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Centrodestra
Zaia a Berlusconi: io candidato premier? E' una manfrina
Centrodestra
Salvini gela Berlusconi: no a Zaia leader e a doppia moneta
Calcio
Renzi: Ranieri tradito dai suoi giocatori, ma tornerà...
Pd
Pd, D'Alema: attacchi Renzi? Non vorrei alimentare ossessioni
Altre sezioni
Salute e Benessere
Malattie rare, Scaccabarozzi: 560 farmaci in sviluppo nel mondo
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Premio Ercole Olivario, in gara 174 etichette da 17 Regioni
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
E.ON:Per 6 italiani su 10 ideale per la casa è l'energia solare
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Fisica, Masterclass: 3000 studenti alla scoperta delle particelle
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech