domenica 22 gennaio | 19:31
pubblicato il 05/set/2013 18:03

Giustizia: 8 tribunali soppressi potranno smaltire arretrati per 2 anni

Giustizia: 8 tribunali soppressi potranno smaltire arretrati per 2 anni

(ASCA) - Roma, 5 set - Resteranno operativi 8 tribunali soppressi dal riordino della geografia giudiziaria, ma solo per il tempo necessario a smaltire gli arretrati.

Il ministro della Giustizia, con decreto ministeriale, in applicazione dell'art. 8 del d.lgs. n. 155 del 2012, ha infatti ritenuto di autorizzare - per un periodo di due anni a decorrere dalla data di entrata in vigore del decreto legislativo 2012 n. 15 - la trattazione dei procedimenti civili ordinari e delle controversie in materia di lavoro, di previdenza e assistenza obbligatoria pendenti alla data del 13 settembre 2013 presso un numero limitato di sedi soppresse nell'ambito della riforma della geografia giudiziaria.

L'intervento - si legge in un comunicato del ministero - riguarda i Tribunali soppressi di maggiore dimensione per popolazione amministrata o per indice delle sopravvenienze ed e' diretto a evitare che le procedure di accorpamento possano ritardare la definizione dei predetti procedimenti civili. La selezione e' stata effettuata con riferimento alle sedi soppresse caratterizzate alternativamente: a) da un numero di abitanti superiore a 180.000 unita', corrispondenti alla meta' della media nazionale dei tribunali provinciali assunta quale parametro di riferimento nell'attuazione della sopra richiamata legge delega realizzata con il decreto legislativo n. 155/2012; b) da una sopravvenienza media annuale di 6.874 affari complessivi, corrispondente alla media delle sopravvenienze dei tribunali con popolazione superiore a 180.000 abitanti.

In relazione al primo parametro sono stati individuati i tribunali di Alba, Bassano del Grappa, Pinerolo e Vigevano; con riferimento al parametro della domanda di giustizia, sono stati individuati i Tribunali di Chiavari, Lucera, Rossano e Sanremo. Inoltre presso il tribunale di Rossano si svolgeranno anche i dibattimenti penali relativi ai procedimenti pendenti alla data del 13 settembre 2013. Pertanto, la riforma entrera' in vigore il prossimo 14 settembre, senza alcun ripristino di tribunali soppressi, ma consentendo che i soli processi civili pendenti presso le sedi soppresse sopra indicate siano trattati in tali sedi, e cio' al fine di accelerare la loro definizione.

com-stt/mau

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Nato
Emiliano: Trump ignora la Nato? Potremmo rinegoziare trattati
Pd
Guerini: Bene Prodi. Ora il Mattarellum, è lo strumento migliore
Pd
Emiliano: se qualcuno apre il congresso mi candido segretario Pd
Terremoti
Terremoto, Finocchiaro: Gentiloni pronto a riferire in Parlamento
Altre sezioni
Salute e Benessere
Nuove postazioni di telemedicina italiana no profit in Africa
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4