sabato 03 dicembre | 21:26
pubblicato il 14/ott/2013 12:00

Giunta Senato su Berlusconi, finita relazione tocca al dibattito

Stefàno ha letto le 41 pagine che danno conto dei lavori sul caso

Giunta Senato su Berlusconi, finita relazione tocca al dibattito

Roma, 14 ott. (askanews) - Sono 41 le pagine di relazione sulla decadenza di Silvio Berlusconi dalla carica di parlamentare che Dario Stefàno ha letto nella Giunta per le elezioni del Senato. Il presidente della Giunta, relatore sul procedimento, ha impiegato circa due ore per svolgere le sue considerazioni e subito dopo ha dato avvio al dibattito. La Giunta ha già votato il 4 ottobre scorso la decadenza del leader Pdl dopo la condanna definitiva per frode fiscale, ma prima che la decisione finale sia affidata all'aula di palazzo Madama va approvata la relazione. E' stato Felice Casson, senatore del Pd, a informare i giornalisti riuniti nel cortile dei Sant'Ivo alla Sapienza, a pochi passi da palazzo Madama. "Adesso - ha spiegato - comincia la discussione, ci sono dieci minuti a disposizione di ciascun senatore, ci possono essere richieste diversificate di modifica del documento". Secondo Casson "ci può volere un'ora, tre ore, cinque ore, ma il regolamento prevede che alla fine si voti". (segue)

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Vigilia del voto, Sì e No si accusano di violare il silenzio
Riforme
Referendum, Renzi: brogli? Siamo seri, polemiche stanno a zero
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari