lunedì 05 dicembre | 18:20
pubblicato il 26/apr/2016 20:34

Giunta Camera vara regole per registro lobbisti a Montecitorio

Pisicchio: "Siamo all'avanguardia". M5S si astiene: 'Serve legge'

Giunta Camera vara regole per registro lobbisti a Montecitorio

Roma, 26 apr. (askanews) - La Giunta per il regolamento della Camera ha approvato, con la sola astensione del Movimento 5 stelle, una "decisione" che servirà a regolamentare l'attività dei lobbisti a Montecitorio. Secondo Pino Pisicchio, presidente del gruppo Misto e relatore del testo sul lobbismo, si viene così "a completare il progetto che porta il Parlamento italiano a dotarsi di un codice etico all'avanguardia, tra i primi dieci del mondo democratico. Nonostante le parole irrispettose di qualcuno, la Giunta è riuscita ad ottenere un risultato eccellente, che rende più trasparente l'attività di condotta dei deputati e la rappresentanza degli interessi".

I portatori di interessi dovranno iscriversi a un registro, dichiarare per conto di chi lavorano (se non sono liberi professionisti) e ogni anno compilare una relazione nella quale rendiconteranno gli incontri e le questioni delle quali si sono interessati. Non potranno svolgere questo lavoro i condannati per reati di falso, per reati contro il patrimonio e contro la pubblica amministrazione. Per gli ex parlamentari e gli ex esponenti del governo non sarà possibile richiedere l'iscrizione per dodici mesi dalla cessazione del mandato (i 5 stelle chiedevano un periodo più lungo). "La violazione delle disposizioni - ha spiegato Pisicchio - sarà sanzionata dall'applicazione di sanzioni previste dall'ufficio di presidenza, proporzionate alla gravità dell'infrazione" e che vanno dalla sospensione fino al ritiro dell'iscrizione al registro e quindi della possibilità di svolgere la propria attività lobbistica. Resta demandata all'ufficio di presidenza di Montecitorio anche l'individuazione degli spazi fisici entro i quali consentire la presenza e l'attività dei lobbisti durante i lavori parlamentari.

"Si tratta di una regolamentazione molto blanda e insufficiente", ha dichiarato Danilo Toninelli del M5S, spiegando l'astensione del suo gruppo in Giunta del regolamento. "Abbiamo lavorato in modo serio a queste nuove regole con i nostri emendamenti, che sono stati accolti solo in parte: ad esempio quello grazie al quale si è iniziato a specificare le possibili sanzioni. Ma serve altro, serve una legge per regolare l'attività di petrolieri, banchieri e simili in relazione al Parlamento".

La decisione, non comportando una modifica regolamentare, è immediatamente operativa, anche se richiederà dei tempi tecnici perché gli uffici di Montecitorio organizzino la nuova regolazione degli accessi ai palazzi della Camera.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum, Di Maio: da domani al lavoro per futuro governo M5s
Riforme
Referendum, Renzi: ho perso io e mi dimetto, ma senza rimorsi
Riforme
Referendum, Grillo: addio Renzi, ha vinto la democrazia
Riforme
Referendum, affluenza finale 68,48%. Si è votato di più al Nord
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Festa a Roma con Heinz Beck per i 30 anni del Gambero Rosso
Turismo
Eden Travel Group, il SalvaVacanza spinge l'advance booking
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Accordo Altec-Virgin Galactic: l'Italia avrà il suo spazioporto
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari