lunedì 05 dicembre | 18:26
pubblicato il 06/set/2011 21:11

Giro telefonate Colle-Draghi, Governo 'cede' su restyling manovra

Berlusconi 'incassa' Iva. Ma Tremonti ottiene non sia per spesa

Giro telefonate Colle-Draghi, Governo 'cede' su restyling manovra

Roma, 6 set. (askanews) - Telefoni roventi e molta, moltissima confusione. E' il film di una nuova giornata di fibrillazione per la maggioranza, culminata con il 'vertice delle modifiche' - le ennesime - di Palazzo Grazioli e conclusa con una conferenza stampa di Silvio Berlusconi annunciata e poi misteriosamente annullata. In mezzo due telefonate (e un'altra data per certa, ma smentita da altre fonti), capaci di sbloccare una situazione ingarbugliata. Almeno fino a domani. La prima telefonata è quella fra Giorgio Napolitano e Gianni Letta. Il messaggio recapitato, dicono fonti di governo, è a grandi linee quello contenuto nel comunicato vergato ieri sera dal Colle. A questa segue un altro colloquio telefonico, non confermato da alcune fonti, che sarebbe intercorso tra Mario Draghi e Silvio Berlusconi. I desiderata europei vengono ribaditi dall'ex governatore al premier. Nell'esecutivo tutti sono consapevoli che l'atteggiamento della Bce risulterà determinante in vista della riunione del board di giovedì e, soprattutto, sulla tenuta dei mercati, per ora sostenuta dall'acquisto di titoli di Stato italiani da parte della Banca centrale. L'ultima chiamata, ore 12 circa, è quella fra il premier e Giulio Tremonti. Si sblocca il capitolo Iva, con una condizione richiesta e ottenuta dal ministro dell'Economia (che dopo mesi di resistenza dovrà comunque accettare una misura fino a ieri non condivisa): vada per l'aumento dal 20 al 21%, ma a patto che le risorse vengano destinate al miglioramento dei saldi e non al capitolo spesa. E questo nonostante il pressing di una parte del Pdl e dei ministri, che reclamano da tempo risorse per sostenere tagli considerati insostenibili. A Grazioli il clima è teso. Alcuni 'falchi' berlusconiani invitano il premier a non accettare quello che di fatto si configura come un "commissariamento" europeo. Ma Berlusconi non può far altro che ratificare - dopo una lunga e difficile discussione - quanto assicurato nel corso della mattinata ai suoi autorevoli interlocutori istituzionali. A sera il consiglio dei ministri modifica ulteriormente la manovra, allargando la platea da sottoporre al super prelievo del 3%: si passa dai redditi sopra i 500 mila a quelli sopra i 300 mila. Viene annunciata una conferenza stampa, tutto è pronto per l'intervento in sala stampa del Cavaliere. Poi improvvisamente salta la conferenza. Ancora confusione. Stasera comunque il maxiemendamento approva in Senato, domani il voto di fiducia.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum, Di Maio: da domani al lavoro per futuro governo M5s
Riforme
Referendum, Renzi: ho perso io e mi dimetto, ma senza rimorsi
Riforme
Referendum, Grillo: addio Renzi, ha vinto la democrazia
Riforme
Referendum, affluenza finale 68,48%. Si è votato di più al Nord
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Festa a Roma con Heinz Beck per i 30 anni del Gambero Rosso
Turismo
Eden Travel Group, il SalvaVacanza spinge l'advance booking
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Accordo Altec-Virgin Galactic: l'Italia avrà il suo spazioporto
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari