sabato 03 dicembre | 04:19
pubblicato il 20/nov/2014 16:04

Giovedì Europarlamento vota su mozione M5S censura a Juncker

Lunedì il dibattito con Presidente e tutta la Commissione

Giovedì Europarlamento vota su mozione M5S censura a Juncker

Roma, 20 nov. (askanews) - La mozione di censura presentata dal Movimento 5 Stelle nei confronti della Commissione Juncker verrà discussa dal Parlamento europeo nel pomeriggio di lunedì 24 novembre, durante la sessione plenaria che si terrà a Strasburgo, alla presenza del presidente Juncker e dell'intera Commissione. Lo ha deciso oggi la conferenza dei Presidenti, secondo quanto riferito dal gruppo M5S. La mozione, presentata dal Movimento 5 Stelle e dal gruppo Efdd in seguito allo scandalo LuxLeaks, ha raccolto 76 firme tra tutti gli europarlamentari.

Al termine della presentazione della mozione, che sarà illustrata dall'europarlamentare Marco Zanni, è previsto un intervento per ogni gruppo politico. La votazione, invece, si terrà giovedì 27 alle ore 12. A norma dell'articolo 119 del Regolamento deve infatti tenersi "almeno quarantott'ore dall'inizio della discussione".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Renzi: brogli voto estero? Film che ritorna da chi teme sconfitta
Riforme
Referendum, Salvini: voto estero comprato ma no vincerà comunque
Riforme
Renzi: col Sì Italia più forte in Ue su crescita e immigrazione
Riforme
Politici, vip e costituzionalisti, tutti divisi al referendum
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari