sabato 21 gennaio | 17:12
pubblicato il 15/apr/2011 20:29

Giovani/ Deputati a 18 anni, consenso bipartisan per ddl Meloni

Schifani-Fini apprezzano. Presidente Camera rilancia preferenze

Giovani/ Deputati a 18 anni, consenso bipartisan per ddl Meloni

Roma, 15 apr. (askanews) - Deputati già a 18 anni e senatori a 25: ha raccolto consensi bipartisan la proposta contenuta nel ddl costituzionale approvato oggi dal Consiglio dei Ministri su proposta del ministro della Gioventù, Giorgia Meloni. L'hanno benedetta i presidenti delle Camere, Renato Schifani e Gianfranco Fini, il Pdl e la Lega. Apprezzamento è arrivato anche dall'opposizione. Fli e Udc hanno annunciato il loro sostegno mentre in ordine sparso è andato il Pd: scettica la giovane eurodeputata Deborah Serracchiani, entusiasta Sandro Gozi già firmatario di un testo che va nella stessa direzione. L'obiettivo del Governo, ha spiegato Meloni, è "rendere operativa la nuova norma già per le prossime elezioni. Vogliamo valorizzare la partecipazione dei giovani alla vita culturale e politica del Paese, rimuovere una barriera". Schifani si è augurato venga presto approvato dal Parlamento e anche Fini lo considera "giusto" ma ha colto l'occasione per ribadire la necessità di modificare l'attuale legge elettorale e porre fine all'esperienza delle liste bloccate perché "è essenziale mettere tutti, soprattutto i giovani, nella condizione di eleggere i propri rappresentanti. Se l'elezione è legata non al consenso ma al gradimento di pochi che fanno le liste si allontana ancora di più la politica dalla società". Si tratta di un "segnale positivo di attenzione rivolto ai giovani, il primo dall'inizio della legislatura da parte dell'Esecutivo, che accogliamo con favore", hanno spiegato il capogruppo di Fli alla Camera, Benedetto Della Vedova, e il Coordinatore nazionale di Generazione Futuro, Gianmario Mariniello, annunciando il sostegno al ddl in Parlamento. Stessa linea dall'Udc: "E' giunto il momento che l'Italia si metta al passo con le altre realtà europee", ha commentato il leader dei giovani centristi Gianpiero Zinzi. Scettica Serracchiani: "Temo che l'iniziativa del Governo sia solo un modo per gettare fumo negli occhi". Ma un altro democratico - Gozi - ha apprezzato: "Il ministro Meloni è passato velocemente dalla parole ai fatti e dimostra di voler svecchiare il Parlamento e coinvolgere sempre di più le nuove generazioni nella vita politica", ha affermato in una nota congiunta con Nicola Formichella del Pdl con cui aveva già presentato un testo per abbassare l'elettorato passivo.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Prodi: alla sinistra serve un nuovo riformismo
Governo
Grasso: legislatura duri fino a 2018 per recuperare tempo perduto
M5s
Ue, Grillo: Alde? Si vergogni chi si è rimangiato la parola data
Fi
Fi: sostegno Berlusconi a Prodi? Accuse Salvini paradossali
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4