lunedì 23 gennaio | 04:11
pubblicato il 10/set/2014 18:32

Giornalisti Tg3 a Vigilanza: riforma Gubitosi riduce pluralismo

Rai non diventi organo di propaganda. Chiediamo audizione Cdr (ASCA) - Roma, 10 set 2014 - "In Rai le cose devono cambiare, ma bisogna cambiare di piu' e meglio. Il progetto di riforma dell'informazione presentato dal DG Gubitosi non cambia la Rai ma serve soltanto a ridurre il pluralismo, rischiando di cancellare le identita' delle testate a cominciare dal Tg3. Il pluralismo e' un patrimonio che appartiene al Paese e di cui oggi piu' che mai l'Italia ha bisogno". E' quanto scrivono i giornalisti e le giornaliste del Tg3 in una lettera aperta alla commissione di Vigilanza. "I giornalisti del Tg3 fanno appello al senso di responsabilita' dei membri della Commissione di Vigilanza : il Tg3 e' convinto che una riforma sia necessaria, ma appare evidente che un progetto di riforma del sistema dell'informazione del servizio pubblico che non parta dalla definizione del prodotto che si intende fornire agli italiani, sia destinato inevitabilmente a fallire - sottolineano i giornalisti -. Il DG parla di risparmi solo per l'informazione, senza considerare le tantissime altre voci di bilancio dell'Azienda. Il piano presentato da Gubitosi, piu' che avere un obiettivo economico sembra averne uno politico: gli accorpamenti delle varie testate, in assenza di una riforma della governance, consegnerebbero alla politica un potere quasi assoluto sull'informazione del servizio pubblico che rischierebbe di diventare l'organo di propaganda del governo di turno".

Secondo i giornalisti del Tg3 "il problema della liberta' di stampa e' quanto mai attuale nel nostro paese e i giornalisti del Tg3 non sono disposti a disperdere una tradizione di informazione che da sempre ha dato voce agli strati piu' deboli della popolazione, all'antimafia, alla parita' di genere, al mondo del lavoro, ad una visione alternativa della politica estera. Non capiamo il senso di un progetto che prevede da una parte l'accorpamento di TG1, TG2 e Rai Parlamento nella Newsroom 1 e dall'altra TG3, Rainews24 e TGR nella Newsroom2. Si perderebbe l'identita' dei vari telegiornali lasciando soltanto dei marchio come specchietti per le allodole senza una reale differenza nei contenuti. Chiediamo un'audizione del nostro cdr in Commissione di Vigilanza e nel contempo invitiamo nella nostra redazione i membri della commissione che vorranno verificare di persona come lavorano i giornalisti del TG3".

Pol/Gal

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Nato
Emiliano: Trump ignora la Nato? Potremmo rinegoziare trattati
Usa
Gentiloni: Trump? Collaboreremo ma abbiamo i nostri valori
Pd
Emiliano: se qualcuno apre il congresso mi candido segretario Pd
Governo
Gentiloni: D'Alema non aiuta la discussione, troppo polemico
Altre sezioni
Salute e Benessere
Nuove postazioni di telemedicina italiana no profit in Africa
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4