sabato 03 dicembre | 10:47
pubblicato il 07/feb/2013 20:01

Giornalisti: ODG compie 50 anni. Siddi, improcrastinabile riforma

(ASCA) - Roma, 7 feb - ''Il mezzo secolo di vita dell'Ordine dei giornalisti, che celebra oggi l'anniversario della sua legge istitutiva, e' l'occasione per rilanciare con forza l'iniziativa per una improcrastinabile riforma di una professione al centro di epocali trasformazioni. L'appello rilanciato, in questo senso, dal Presidente dell'Ordine nazionale Iacopino e' condiviso - credo - da tutta la categoria, che, sui contenuti e gli strumenti del cambiamento, ha una dialettica in corso, utile allo scopo ma sin qui annullata dall'insipienza e dai piccoli opportunismi della politica politicante''. Lo afferma il segretario della Fnsi, Franco Siddi, in occasione dei 50 anni dell'ODG. ''Non puo' sfuggire a nessuno - aggiunge - che una legge la puo' riformare solo il Parlamento e non va dimenticato che la legislatura appena conclusa ha ''chiuso'' in un cassetto un progetto di legge - gia' votato in una delle Camere - per non misurarsi con quanti esprimevano dei dubbi e neppure con quanti erano disponibili a migliorarlo: una soluzione all'insegna di una becera ''contabilita''' di interessi particolari tutelabili da questa o quella figura politica privilegiata, rispetto ad una ricerca di equilibrio per un interesse generale.

E' interesse pubblico primario una professione qualificata per la sua identita' specifica, per la sua qualificazione deontologica, per la sua missione al servizio della conoscenza dei cittadini e della circolazione delle idee.

L'Ordine professionale e' uno strumento che, in questa dimensione ha una sua validita', ma deve essere adeguato alla realta' del lavoro professionale che si esprime in un vasto sistema di mezzi e reti per comunicare, per informare, per creare relazioni di conoscenza e verifica.

L'indagine dell'Ordine nazionale sull'etica della professione mette in luce un grave problema: l'adesione ai principi deontologici da parte della categoria e' quasi totale, la realta' vissuta e' spesso un'altra a causa di interferenze improprie sulle autonomie della professione e sulle garanzie nel lavoro.

Gli equilibri del sistema dell'informazione, il rispetto del lavoro di chi professionalmente vi si dedica sono fondamentali. Servono leggi aggiornate di garanzia e di chiara ispirazione alle Carte dei diritti fondamentali dell'uomo, servono strumenti per l'accesso e il rispetto della deontologia, che non siano apparati burocratici ma efficaci e solidi riferimenti per la credibilita' del giornalismo e per puntuali risposte ai cittadini. La riforma dell'Ordine dei giornalisti, unitamente a quelle del mercato e di un nuovo welfare attivo per il lavoro e l'industria dell'informazione, per il pluralismo, in tempi in cui la politica si declama per ''agende'', sono temi che devono stare ai primi posti delle prossime scadenze dei pubblici poteri. La Fnsi - conclude Siddi - non solo non cancella questi temi, nonostante l'ostentato silenzio di una campagna elettorale 'altra', ma incalzera' i futuri eletti e il nuovo Governo sin dal primo istante del loro insediamento.

Nel frattempo, felicitazioni all'Ordine dei giornalisti''.

com/mar

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum, Salvini: voto estero comprato ma no vincerà comunque
Riforme
Politici, vip e costituzionalisti, tutti divisi al referendum
Riforme
Referendum, Renzi: con Mattarella italiani sono in ottime mani
Riforme
Referendum, Grillo: se perdiamo contro il mondo va bene lo stesso
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari