domenica 11 dicembre | 09:58
pubblicato il 10/mag/2013 18:52

Giornalisti: morto Ninni Stancanelli, esperto di mafia e di papi

(ASCA) - Roma, 10 mag - Si e' spento oggi a quasi 82 anni a Novara di Sicilia (Messina), suo paese d'origine, Ninni Stancanelli, giornalista Rai, azienda in cui trascorre praticamente tutta la sua lunga carriera, occupandosi a lungo di sport ma anche di avvenimenti di mafia, tanto da venire definito ''memoria storica'' nel settore.

Stancanelli muove i primi passi da collaboratore verso la fine degli Anni 50, presso la redazione locale dell'azienda di viale Mazzini, contribuendo a curare l'appuntamento settimanale ''Sicilia sport''. Dopo aver trattato per diversi anni argomenti di mafia, si trasferisce a Roma, nel 1976, al Giornale radio, dove conclude la carriera, vent'anni dopo, come caporedattore centrale del giornale radio unificato.

Diversi gli eventi a cui e' legata la firma di Stancanelli. Tra i suoi servizi piu' importanti si ricorda la diretta del rapimento Moro, primo giornalista ad andare in onda. Qualche mese dopo, sempre nel 1978, segue l'elezione di Papa Luciani, partecipando poi alla realizzazione del libro 'Il papa del Sorriso'. Restando in tema, Stancanelli - ha raccontato il collega Rodolfo Amodeo sul suo sito -, e' stato il primo giornalista d'Italia ad avere le ''idee chiare'' su chi fosse papa Giovanni Paolo II. ''Quella sera (16 ottobre 1978, ndr) mi trovavo in una postazione di Piazza S. Pietro accanto alla quale si piazzarono casualmente dei preti che, non appena sentirono pronunciare al cardinale Felici quello ''strano'' cognome, si abbandonarono a grida e gesti di esultanza; evidentemente - ricordava lo stesso Stancanelli - erano gli unici, tra tutta quella marea di gente, a sapere chi fosse il nuovo pontefice. Colsi, dunque, la palla al balzo e mi avvicinai a loro per chiedergli il perche' di questo ''giubilo''; mi risposero che erano polacchi e che quel Wojtyla era stato il loro cardinale; da loro appresi, quindi, della sua infanzia travagliata, dei suoi trascorsi giovanili tra lavori umili ed inclinazioni artistiche e delle sue vicissitudini durante la Seconda Guerra Mondiale. Cosi' chiesi subito la linea allo studio per raccontare tutto in diretta dai microfoni del Gr2; dopodiche' venni letteralmente tempestato dalle telefonate dei colleghi delle altre testate giornalistiche e delle agenzie di stampa che mi pregavano di passare loro quelle notizie da me ''miracolosamente'' raccolte affinche' potessero imbastire i rispettivi servizi su Karol Wojtyla. E' stato questo - concludeva Stancanelli - uno dei momenti piu' esaltanti della mia carriera''.

La redazione dell'Asca partecipa al lutto del collega Luigi, figlio di Ninni Stancanelli.

red/vlm

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Governo
Di Battista:risponderemo a colpi piazza a tentativo fermare M5s
Governo
Di Maio: no a Gentiloni o altro Avatar per salvare la banca Pd
Governo
Renzi al Pd esclude restare,Gentiloni tiene ma partita non chiusa
Governo
Speranza al Pd: indispensabile una scelta di discontinuità
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
All'Isola della Sostenibilità il mondo dell'economia circolare
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Le tecnologie spaziali che aiutano la sostenibilità
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina