lunedì 16 gennaio | 20:55
pubblicato il 01/apr/2014 19:37

Giornalisti: Garante Privacy a Odg, non colta opportunita' di cambiare

Giornalisti: Garante Privacy a Odg, non colta opportunita' di cambiare

(ASCA) - Roma, 1 apr 2014 - Il consiglio nazionale dell'Ordine dei giornalisti ''non ha colto l'opportunita' di cambiare'' esprimendo un giudizio negativo sul nuovo codice deontologico della categoria. Cosi' il Garante della Privacy, Antonello Soro, in una lettera inviata al presidente dell'Ordine, Enzo Iacopino.

''Riscontro la Sua nota odierna - si legge nella lettera - con cui comunica le valutazioni del Consiglio nazionale dell'Ordine dei giornalisti riguardo alla bozza del codice di deontologia relativo al trattamento dei dati personali nell'esercizio dell'attivita' giornalistica. Innanzitutto, desidero esprimere una sincera costernazione nel leggere che la predetta bozza venga presentata quale 'proposta del Garante', mentre e' a noi inequivocabilmente noto che essa e' il frutto condiviso di un attento confronto che ha visto coinvolti, per diversi mesi, la Presidenza dell'Ordine dei giornalisti e Collegio del Garante.

Registro con rammarico le valutazioni negative rispetto al lavoro svolto. Questo, a mio avviso, ha costituito un'occasione importante di chiarimento e ulteriore definizione dei principi gia' presenti nel vigente codice deontologico al fine di adeguare quest'ultimo ai mutamenti sociali e tecnologici che caratterizzano il nostro tempo e che espongono i giornalisti a nuove sfide. E questo, nell'ottica di garantire l'auspicato giusto bilanciamento tra la liberta' di informazione e il rispetto dei diritti fondamentali della persona. Le determinazioni del Consiglio nazionale dell'Ordine sono, a mio parere, frutto di una lettura del testo non in linea con le riflessioni e i chiarimenti formulati nei nostri incontri e di fatto non colgono l'opportunita' di un adeguamento delle norme che regolano la professione giornalistica attraverso un confronto, piuttosto che mediante interventi autoritativi esterni, eventualmente realizzati dal legislatore. Prendo d'altra parte atto del contenuto dell'ordine del giorno riportato nella Sua nota e Le rappresento con l'occasione che il Garante non intende esercitare i poteri sostitutivi eventualmente offerti dall'art. 139 del Codice in materia di protezione dei dati personali. Non essendoci pertanto le condizioni per una sua revisione, il Garante - conclude Soro nella lettera - continuera' ad applicare il codice di deontologia vigente, nell'ottica e con l'impegno di assicurare il massimo rispetto dei valori costituzionali sopra enunciati''.

red/mar

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Bersani: Renzi non ha capito lezione, così si sbatte di nuovo
Conti pubblici
Conti pubblici, blog Grillo: Gentiloni e Padoan si dimettano
Centrodestra
Salvini: se Berlusconi preferisce Renzi, meglio soli al voto
Conti pubblici
Ue sollecita manovra correttiva. Gentiloni vede Padoan
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute: nuovi Lea in arrivo. In vigore dopo pubblicazione su G.U.
Motori
L'Italia difende Fca dalle accuse tedesche: le sue auto sono in regola
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella, conto alla rovescia Anteprima Amarone
Turismo
A Singapore la gara di Danza del leone, caccia i cattivi spiriti
Energia e Ambiente
L'Enel porta energia "verde" all'ambasciata italiana di Abu Dhabi
Moda
Milano Moda Uomo, trionfo di righe e quadri da Missoni
Scienza e Innovazione
Rompicapo galattico per telescopio Hubble
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Milano, ripartono lavori prolungamento M1 fino a Monza Cinisello