domenica 04 dicembre | 15:59
pubblicato il 23/mag/2013 19:10

Giornalisti: Fnsi, solidarieta' a colleghi Panorama, sentenza ingiusta

(ASCA) - Roma, 23 mag - ''Suona incredibile e fuori dal tempo, lontana dai principi del diritto delle moderne democrazie, un pugno rispetto alla giurisprudenza europea sui diritti umani, la sentenza di condanna al carcere per diffamazione a mezzo stampa inferta a tre giornalisti di Panorama. La sentenza, in primo grado, del giudice di Milano a carico di Giorgio Mule' (otto mesi di reclusione senza condizionale), direttore di Panorama, di Andrea Marcenaro (un anno di carcere) e di Riccardo Arena (un anno di reclusione), collaboratore del giornale, bisognerebbe poterla portare subito davanti alla Corte di giustizia europea per i diritti umani di Strasburgo per ottenerne il sicuro annullamento, la' tanto palesemente in contrasto con quella giurisprudenza''.

E' quanto si legge in una nota della Federazione nazionale della stampa italiana.

''Il marcio sta nella legge italiana che ancora consente sentenze di questo tipo che diventano, regolarmente, piu' pesanti quando a presentare querela sono dei magistrati, come in questo caso. Il rispetto per la funzione dei giudici e' totale da parte della Federazione Nazionale della Stampa, ma e' indispensabile una legislazione diversa che in materia di reati di opinione elimini quanto piu' possibile elementi di discussione e di sconcerto come in questo caso. E' evidente che prima di tutto va eliminata la pena detentiva per questo genere di reati, come la Fnsi richiede da tempo e ha sostenuto con forza appena sei mesi fa in occasione del tentativo parlamentare di aggravare, invece, il quadro normativo'', aggiunge Fnsi.

''Il Sindacato dei giornalisti non chiede l'irresponsabilita' per la categoria ma l'efficacia dei vincoli e della disciplina deontologici a tutela dei diritti delle persone, avendo sempre riguardo per il diritto dei cittadini ad un'informazione libera su tutti e su qualsiasi argomento senza censure, tanto meno preventive. Il diritto alla rettifica deve essere altresi' rispettato e va anche ricordato che, normalmente, chi esercita funzioni pubbliche ha sempre maggiori possibilita' di qualsiasi cittadino di far sentire la propria voce, con gli atti come con le opinioni. L'enormita' di una sentenza che appare ingiusta (sia ben chiaro, si tratta di un'opinione) fondata su una legge che e' base di ingiustizia rende chiaro quanto sia indispensabile una nuova legislazione di civilta' democratica avanzata e rispettabile. Con questo spirito ai colleghi di Panorama 'condannati' va la solidarieta' della Fnsi contro il carcere per il reato di diffamazione a mezzo stampa'', conclude la nota. com-ceg/mar/bra

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum, seggi aperti in tutta Italia: sì o no a riforma Renzi
Riforme
Referendum,voto cattolico plurale:da no Family day a sì gesuiti
Riforme
Vigilia del voto, Sì e No si accusano di violare il silenzio
Riforme
Referendum, quante volte è cambiata la Costituzione dal '48 a oggi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari