mercoledì 18 gennaio | 12:04
pubblicato il 23/mag/2013 19:10

Giornalisti: Fnsi, solidarieta' a colleghi Panorama, sentenza ingiusta

(ASCA) - Roma, 23 mag - ''Suona incredibile e fuori dal tempo, lontana dai principi del diritto delle moderne democrazie, un pugno rispetto alla giurisprudenza europea sui diritti umani, la sentenza di condanna al carcere per diffamazione a mezzo stampa inferta a tre giornalisti di Panorama. La sentenza, in primo grado, del giudice di Milano a carico di Giorgio Mule' (otto mesi di reclusione senza condizionale), direttore di Panorama, di Andrea Marcenaro (un anno di carcere) e di Riccardo Arena (un anno di reclusione), collaboratore del giornale, bisognerebbe poterla portare subito davanti alla Corte di giustizia europea per i diritti umani di Strasburgo per ottenerne il sicuro annullamento, la' tanto palesemente in contrasto con quella giurisprudenza''.

E' quanto si legge in una nota della Federazione nazionale della stampa italiana.

''Il marcio sta nella legge italiana che ancora consente sentenze di questo tipo che diventano, regolarmente, piu' pesanti quando a presentare querela sono dei magistrati, come in questo caso. Il rispetto per la funzione dei giudici e' totale da parte della Federazione Nazionale della Stampa, ma e' indispensabile una legislazione diversa che in materia di reati di opinione elimini quanto piu' possibile elementi di discussione e di sconcerto come in questo caso. E' evidente che prima di tutto va eliminata la pena detentiva per questo genere di reati, come la Fnsi richiede da tempo e ha sostenuto con forza appena sei mesi fa in occasione del tentativo parlamentare di aggravare, invece, il quadro normativo'', aggiunge Fnsi.

''Il Sindacato dei giornalisti non chiede l'irresponsabilita' per la categoria ma l'efficacia dei vincoli e della disciplina deontologici a tutela dei diritti delle persone, avendo sempre riguardo per il diritto dei cittadini ad un'informazione libera su tutti e su qualsiasi argomento senza censure, tanto meno preventive. Il diritto alla rettifica deve essere altresi' rispettato e va anche ricordato che, normalmente, chi esercita funzioni pubbliche ha sempre maggiori possibilita' di qualsiasi cittadino di far sentire la propria voce, con gli atti come con le opinioni. L'enormita' di una sentenza che appare ingiusta (sia ben chiaro, si tratta di un'opinione) fondata su una legge che e' base di ingiustizia rende chiaro quanto sia indispensabile una nuova legislazione di civilta' democratica avanzata e rispettabile. Con questo spirito ai colleghi di Panorama 'condannati' va la solidarieta' della Fnsi contro il carcere per il reato di diffamazione a mezzo stampa'', conclude la nota. com-ceg/mar/bra

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Nato
Mattarella:Nato straodinariamente importante per pace e sicurezza
M5s
Nasce Sharing Rousseau, Di Maio: "Intelligenza collettiva M5s"
Ue
Presidenza Europarlamento: al ballottaggio Tajani e Pittella
Ue
Gentiloni vola da Merkel, sul tavolo conti pubblici e caso Fca
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute, arriva dagli Usa il "Piatto unico bilanciato"
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Nel 2016 consumi alimentari fuori casa +1,1%, domestici -0,1%
Turismo
Nel 2016 Roma è stata la meta italiana preferita dagli europei
Energia e Ambiente
Leader mondiali dell'industria danno vita all'Hydrogen Council
Moda
Moda, nasce Brandamour, nuovo polo del lusso Made in Italy
Scienza e Innovazione
Nell'Universo ci sono almeno due trilioni di galassie
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Dal 26 marzo al via i nuovi voli da Milano-Malpensa