mercoledì 22 febbraio | 18:49
pubblicato il 23/mag/2013 19:27

Giornalisti: Casini, in Paese evoluto carcere non e' soluzione

Giornalisti: Casini, in Paese evoluto carcere non e' soluzione

(ASCA) - Roma, 23 mag - ''Il carcere per i giornalisti non e' una soluzione da Paese avanzato. Non conosco nel dettaglio il caso del direttore di Panorama Giorgio Mule' e del suo cronista Andrea Marcenaro e immagino che il giudice abbia ritenuto che ci fossero gli estremi per applicare la normativa vigente in materia di diffamazione. Saranno i successivi gradi di giudizio a confermare o smentire''. Lo afferma in una nota il presidente della commissione Esteri del Senato Pier Ferdinando Casini. ''Ma il problema e' proprio la normativa vigente: la diffamazione a mezzo stampa va contrastata senza tentennamenti e lo si puo' fare con sanzioni di natura pecuniaria anche pesanti - aggiunge Casini - Su questo punto gia' nella passata legislatura avevamo presentato alcune proposte. Quello che non e' accettabile e' che nell'Italia del 2013 un giornalista possa essere punito con il carcere per aver scritto un articolo o per l'omesso controllo''. com-njb

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Pd, Orfini: dopo Emiliano spero ci ripensino Rossi e Speranza
Pd
Pd, Emiliano: non faccio a Renzi il favore della scissione
Pd
Di Maio (M5s): elettori Pd disorientati, guardano a noi
Pd
Speranza: Emiliano resta nel Partito di Renzi, noi no
Altre sezioni
Salute e Benessere
Carnevale, allarme dermatologi: attenzione a trucchi e maschere
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
150 ettari oliveto sul mare a Menfi, prende vita progetto Planeta
Turismo
Lourdes, destinazione turistica a 360 gradi
Energia e Ambiente
Una legge per istituire la Giornata del risparmio energetico
Moda
A Londra apre una mostra su Lady Diana, icona della moda
Scienza e Innovazione
Spazio, astronauti italiani e cinesi lavoreranno fianco a fianco
TechnoFun
La Cina leader nel mondo delle app per abbellire i selfie
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech