martedì 06 dicembre | 20:45
pubblicato il 04/mag/2013 13:11

Giornalisti: appello precari a Legnini, impegni per stop sfruttamento

(ASCA) - L'Aquila, 4 mag - ''Riteniamo che oggi il Governo non possa piu' assistere passivamente alla perpetuazione dello sfruttamento incontrollato e selvaggio dei giornalisti lavoratori autonomi. Per questo le chiediamo di convocare immediatamente la Commissione per l'equo compenso e di dare concreta applicazione alla legge 233/2012, che nasce esplicitamente per dare attuazione all'articolo 36 della Costituzione anche nei confronti dei giornalisti lavoratori autonomi''. E' uno dei passaggi dell'appello che i coordinamenti di base dei giornalisti freelance e precari italiani rivolgono al neo sottosegretario alla presidenza del Consiglio con delega all'Editoria, Giovanni Legnini. La lettera - a firma di YaBasta! Giornalismo e dignita' (Toscana), FreeCCP (Emilia Romagna), Re:Fusi (Veneto), Errori di Stampa (Lazio), Terzo Stato (Molise), Informazione Precaria (Puglia), Coordinamento giornalisti precari campani e Coordinamento giornalisti precari e freelance del Friuli Venezia Giulia - e' stata inviata a ''5EURONETTI'', la rete dei freelance e precari dell'informazione abruzzese promotrice, oggi a Pescara, dell'evento ''Corto circuito.

Politica e informazione, equilibri precari''. Legnini avrebbe dovuto prendere parte all'iniziativa, ma per motivi istituzionali e' stato costretto a rinunciare.

''Oggi, in Italia, piu' della meta' dei giornalisti - si legge nel documento - non ha un contratto di assunzione stabile e la maggior parte di questi, pur coprendo settori rilevanti dell'informazione quotidiana, riceve compensi irrisori. E si vede costretta a lavorare non solo senza sicurezze e prospettive personali, ma anche in condizioni offensive della propria dignita', sotto il costante ricatto di perdere ogni possibilita' di lavoro''. ''Oggi - proseguono i giornalisti - non e' raro per un freelance o collaboratore esterno essere costretto ad accettare retribuzioni anche di 2-5 euro a pezzo, con una media di 10-20 euro (al lordo di spese, tasse e contributi a carico), o prestazioni gratuite per averne altre retribuite, o proposte di lavoro in nero o con contratti palesemente inadeguati od irregolari. Il tutto definito in maniera unilaterale dagli editori, e con retribuzioni spesso corrisposte in ritardo anche di mesi''.

''La situazione - si legge ancora nella lettera - e' cosi' grave che secondo le ricerche effettuate sui dati dell'Istituto nazionale di previdenza dei giornalisti italiani (Inpgi) il 75% dei freelance guadagna in media meno di 10.000 euro lordi l'anno, e il 62% meno di 5.000''.

''Questa, signor Sottosegretario, e' la situazione che Lei oggi si trova ad affrontare, quale responsabile politico del settore'' prospetta la nota direttamente a Legnini. In particolare i coordinamenti chiedono al Sottosegretario di ''dare attuazione con la massima sollecitudine e determinazione alla legge 233/2012, per l'equo compenso dei giornalisti titolari di rapporti di lavoro non subordinato'' e di ''assumere e fare propri i principi espressi nella Carta di Firenze''. ''Confidando nel suo interessamento a riguardo - concludono i giornalisti - con la presente ci dichiariamo anche disponibili ed interessati ad un confronto di merito sul tema, anche in sede di audizione conoscitiva con la Commissione prevista dalla L. 233/2012''.

iso/vlm/ss

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Governo
Renzi vuole dalla direzione l'ok del Pd a elezioni anticipate
Governo
Alfano: pronostico elezioni anticipate a febbraio
Governo
Renzi e Pd pronti a governo istituzionale: ma con numeri larghi
Governo
Udc esce da Ap di Alfano: nuovi gruppi contro voto anticipato
Altre sezioni
Salute e Benessere
Robot indossabile ridà capacità di presa a persone quadriplegiche
Enogastronomia
Veronafiere,Danese:con Vinitaly salto qualità nei paesi asiatici
Turismo
Ponte Immacolata, per un italiano su due hotel è luogo dolce vita
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Robotica soft, macchine più versatili ispirate a piante e animali
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni