mercoledì 22 febbraio | 03:29
pubblicato il 12/mar/2011 19:26

Giappone/ Di Pietro: Il dramma serva a riflettere su nucleare

Italia butti via denaro per energia pericolosa e obsoleta

Giappone/ Di Pietro: Il dramma serva a riflettere su nucleare

Roma, 12 mar. (askanews) - "Il dramma del Giappone e le tragiche conseguenze dovute alle fughe radioattive dalle centrali nucleari dovrebbero fornire un esempio su cui riflettere anche in Italia. Quel che è successo nel paese nipponico dimostra che buttare via tanti soldi per costruire 13 centrali nucleari e per ottenere un'energia che si può ricavare anche con risorse alternative è rischiosissimo per la salute, per l'ambiente e per l'umanità. Il nucleare è un'energia pericolosa e obsoleta" .Lo ha detto il presidente dell'IdV, Antonio Di Pietro, convinto che il Governo italiano debba rivedere la scelta a favore del ritorno al nucleare. "Noi dell'Italia dei Valori - ha ricordato Di Pietro- abbiamo promosso un referendum per bocciare questa follia che giova solo alle solite lobby di potere, e così i cittadini, tra qualche mese, potranno rispedire al mittente questa proposta oscena".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Pd nomina commissione congresso, Emiliano si candida a primarie
Consip
Di Maio: Renzi vuoti il sacco su donazione da Alfredo Romeo
Pd
Pd, Prodi: la scissione è un suicidio, non posso rassegnarmi
Pd
Pd, Emiliano: non faccio a Renzi il favore della scissione
Altre sezioni
Salute e Benessere
Percorso rapido per emergenze al Fatebenefratelli Roma
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Peroni Senza Glutine sul podio del World Gluten Free Beer Award
Turismo
Lourdes, destinazione turistica a 360 gradi
Energia e Ambiente
Energia, nanosfere di silicio per finestre fotovoltaiche economiche
Moda
Il business della Moda porta a Milano 1,7 miliardi al mese
Scienza e Innovazione
Elicotteri italiani AW-139 in Pakistan, nuovo ordine per Leonardo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Il mondo in coda: strade sempre più trafficate, anche in Italia