sabato 03 dicembre | 01:31
pubblicato il 29/lug/2015 18:54

Giacomelli: nuovo cda subito perché Camere lente su riforma Rai

Renzi ha evitato decreto ma nuova governance non può aspettare

Giacomelli: nuovo cda subito perché Camere lente su riforma Rai

Roma, 29 lug. (askanews) - La decisione del governo di procedere al rinnovo del cda Rai con la vigente legge Gasparri, mentre alle Camere si sta discutendo della riforma della governance dell'azienda radiotelevisiva, è stata presa perché sui tempi di approvazione del nuovo assetto di Viale Mazzini il Parlamento stava procedendo a rilento. Lo ha spiegato il sottosegretario allao Sviluppo, Antonello Giacomelli, intervenendo in aula al Senato dopo la lettera inviata dal ministro dell'Economia Pier Carlo Padoan al presidente della commissione parlamentare di Vigilanza sulla Rai. Spiegando anche che "il governo avrebbe potuto anche fare un decreto e i precedenti c'erano ma non lo ha fatto per scelta del presidente del Consiglio".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Renzi: brogli voto estero? Film che ritorna da chi teme sconfitta
Riforme
Referendum, Salvini: voto estero comprato ma no vincerà comunque
Riforme
Renzi: col Sì Italia più forte in Ue su crescita e immigrazione
Riforme
Politici, vip e costituzionalisti, tutti divisi al referendum
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari