sabato 25 febbraio | 23:48
pubblicato il 10/dic/2013 12:00

Giachetti scrive a Grillo: mi esponi al rischio di essere ucciso

"Sul tuo blog lo chiedono, grazie al tuo 'caccia all'uomo day'"

Giachetti scrive a Grillo: mi esponi al rischio di essere ucciso

Roma, 10 dic. (askanews) - "Senza minimamente fare accostamenti impropri con la statura di straordinari esempi della lotta nonviolenta, ricordo a me stesso che la storia è percorsa da nonviolenti morti non a causa della loro iniziativa ma per mano di sconosciuti che li hanno colpiti quando erano più esposti, tra la gente, in libertà. E' stato così per Gandhi ucciso con tre colpi di pistola e per Martin Luther King freddato da un colpo di fucile. Auspicando che tu possa trovare qualche minuto per queste parole ti saluto cordialmente....".Il vicepresidente Pd della Camera Roberto Giachetti, in sciopero della fame da oltre due mesi per chiedere il voto del Parlamento sulla riforma della legge elettorale, ha scritto una lettera aperta a Beppe Grillo, invitandolo a riflettere sulle foto segnalatiche di Giachetti e degli altri 140 deputati eletti con il premio di maggioranza messi all'indice con tanto di foto da sabato sul blog del leader M5S. "Caro Beppe Grillo. Il 7 dicembre hai postato sul suo tuo blog la foto "segnaletica" mia e di altri 8 colleghi indicati nella didascalia, insieme ad altri 141, come abusivi. Nel corpo del testo hai scritto una frase evidenziata in neretto che testualmente recita "devono essere fermati all'ingresso di Montecitorio". Siamo praticamente - ha denunciato Giachetti- al 'caccia all'uomo day'. Un invito che ognuno dei tantissimi seguaci del tuo blog può declinare a suo piacere. Ed infatti nel giro di breve tempo, nel riuscito effetto di generare un chiaro clima di odio, qualcuno alle 14.32 del medesimo giorno raffina la caccia all'uomo rendendola più esplicita: "Dai a questo punto la lista ce l'avete. Prendete un fucile ed andate ad ammazzarli uno ad uno a casa. Mi sembra il minimo". "Ho letto e fotografato dal tuo blog questo invito ieri sera. Sono passati tre giorni e - ha proseguito- sta ancora lì, non hai avuto neanche la decenza di eliminarlo. E non mi si dica che non l'avevi visto. Se pubblichi la foto di qualcuno e la accompagni con l'invito a "fermarlo" all'ingresso di Montecitorio non puoi esimerti almeno dal verificare l'effetto che fa... Se non lo hai fatto è anch'essa una scelta ben precisa...". (segue)

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Pd, Rosato: carte bollate? Emiliano si occupi di contenuti
Sinistra
Lavoro, scuola, ambiente: abito classico per la sinistra ex Pd
Pd
Errani lascia Pd: ora nuova avventura, ma ci ritroveremo
Governo
Napolitano: equilibrio Gentiloni punto fermo da salvaguardare
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech