sabato 03 dicembre | 21:15
pubblicato il 14/giu/2013 12:00

Gay/Idem: Unioni civili per garantire diritti chi si vuole bene

"Non si deve pensare che si parli di matrimonio in chiesa"

Gay/Idem: Unioni civili per garantire diritti chi si vuole bene

Palermo, 14 giu. (askanews) - Bisogna eliminare "alcuni pregiudizi nei confronti di questo tema. Non parliamo di matrimonio gay, non devono pensare che c'è un prete che deve celebrare un matrimonio in chiesa, ma parliamo di unioni civili che devono garantire diritti a persone che si vogliono bene". Lo ha detto il ministro delle Pari opportunità Josefa Idem, a margine dell'inaugurazione del gay pride nazionale ai cantieri culturali della Zisa a Palermo, rispondendo a chi chiede come vede la possibilità di matrimoni gay. Riguardo alle adozioni da parte di coppie omosessuali, Idem ha risposto: "Direi che andiamo passo per passo".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Vigilia del voto, Sì e No si accusano di violare il silenzio
Riforme
Referendum, Renzi: brogli? Siamo seri, polemiche stanno a zero
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari