lunedì 05 dicembre | 01:45
pubblicato il 29/ago/2014 16:37

Gay, Roccella (Ncd): riflettere su responsabilita' politica toghe

(ASCA) - Roma, 29 ago 2014 - "Oltre alla responsabilita' civile dei magistrati bisognerebbe aprire un dibattito sulla responsabilita' politica dei giudici". Lo afferma in una nota Eugenia Roccella, deputato del Nuovo Centrodestra.

"La sentenza con cui si consente l'adozione di un minore da parte di una coppia omosessuale - continua - e' una delle tante invasioni di campo dei tribunali in ambito politico. Non esiste infatti nessuna legge che consenta l'adozione da parte di persone dello stesso sesso, e toccherebbe comunque al Parlamento decidere in merito. La maggioranza degli italiani non sarebbe d'accordo con questa decisione, ed e' proprio per questo che la magistratura scavalca il Parlamento, che rappresenta la volonta' popolare".

"In casi come questo - conclude Roccella - e' evidente che i magistrati subiscono la tentazione di comportarsi da avanguardia leninista di vecchia memoria: se il popolo rifiuta le 'magnifiche sorti progressive', basta imporgliele per sentenza".

Pol/Bac

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum,Si:respinti rappresentanti no a scrutinio voto estero
Riforme
Referendum, seggi aperti in tutta Italia: sì o no a riforma Renzi
Riforme
Referendum, affluenza boom alle urne: alle 19 è già al 57,24%
Riforme
Referendum,Centro-Nord spinge affluenza oltre 60%,Sud sotto il 50%
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari