sabato 03 dicembre | 11:08
pubblicato il 05/giu/2013 12:00

Gay/ Le istituzioni sdoganano il Pride: A Palermo Idem e Boldrini

Crocetta: Italia non sia fanalino di coda dei diritti

Gay/ Le istituzioni sdoganano il Pride: A Palermo Idem e Boldrini

Roma, 5 giu. (askanews) - Roma città aperta, Palermo capitale dei diritti: il Gay Pride 2013 tocca molte città italiane e per la prima volta lancia una piattaforma comune per l'uguaglianza e la parità dei diritti di omosessuali, lesbiche, persone lgbt. A Roma il 15 giugno e a Palermo il 22 le due manifestazioni clou accompagnate da un ricco calendario di eventi. E al Pride ci sarà anche il governo: già annunciata la partecipazione, il 14 giugno, della ministra per le Pari Opportunità Josefa Idem a una tavola rotonda nel capoluogo siciliano intitolata "I diritti lgbt sono diritti umani". Non solo. Tra gli ospiti del Pride siciliano, insieme alla Idem, anche la presidente della Camera Laura Boldrini: segnale di attenzione al tema da parte del 'Palazzo' dove da anni si discute (invano) di una legge sulle coppie di fatto e non è stato ancora colmato il gap con l'Europa per la mancanza di una normativa contro l'omofobia. Madrina della kermesse Maria Grazia Cucinotta, da sempre impegnata nella "lotta contro i pregiudizi". "Bisogna partire dalla politica - spiega l'attrice - bisogna avere leggi che tutelino i propri diritti, al di là di tutto lottiamo contro i pregiudizi". A Roma il Pride sfilerà "per liberare il Paese dai bigottismi e dagli integralismi che lo hanno frenato" e per rivendicare "pari dignità". Proprio nella Capitale si sono susseguiti alcuni episodi di omofobia ma la città, osserva Andrea Maccarrone portavoce del Pride romano, non si può dire intollerante. "Sono aumentate anche le denunce degli episodi di violenza - sottolinea -, è un segnale positivo, vuol dire che c'è una reazione, una maggiore visibilità, una maggiore voglia di denunciare e non accettare più i soprusi". Nella Capitale, intanto, si muove anche la politica: in discussione in commissione Giustizia alla Camera la legge contro l'omofobia, mentre Giancarlo Galan ed altri esponenti del Pdl hanno presentato un disegno di legge sulle unioni omoaffettive. Ma la chiave di volta, ribadisce Maccarrone, deve essere una parità vera. "Noi - conclude - chiediamo piena uguaglianza, noi chiediamo il matrimonio ugualitario per le coppie omosessuali". E il governatore della Sicilia Rosario Crocetta avverte: "In tema di matrimonio gay l'Italia vuole stare con la Francia, la Germania e l'Olanda o con la Lituania? Vogliamo essere il fanalino di coda dei diritti?".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Politici, vip e costituzionalisti, tutti divisi al referendum
Riforme
Referendum, Renzi: con Mattarella italiani sono in ottime mani
Riforme
Referendum, Grillo: se perdiamo contro il mondo va bene lo stesso
Riforme
Renzi: risultato aperto, in 48 ore ci giochiamo i prossimi 20 anni
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari