lunedì 23 gennaio | 16:32
pubblicato il 05/giu/2013 12:00

Gay/ Le istituzioni sdoganano il Pride: A Palermo Idem e Boldrini

Crocetta: Italia non sia fanalino di coda dei diritti

Gay/ Le istituzioni sdoganano il Pride: A Palermo Idem e Boldrini

Roma, 5 giu. (askanews) - Roma città aperta, Palermo capitale dei diritti: il Gay Pride 2013 tocca molte città italiane e per la prima volta lancia una piattaforma comune per l'uguaglianza e la parità dei diritti di omosessuali, lesbiche, persone lgbt. A Roma il 15 giugno e a Palermo il 22 le due manifestazioni clou accompagnate da un ricco calendario di eventi. E al Pride ci sarà anche il governo: già annunciata la partecipazione, il 14 giugno, della ministra per le Pari Opportunità Josefa Idem a una tavola rotonda nel capoluogo siciliano intitolata "I diritti lgbt sono diritti umani". Non solo. Tra gli ospiti del Pride siciliano, insieme alla Idem, anche la presidente della Camera Laura Boldrini: segnale di attenzione al tema da parte del 'Palazzo' dove da anni si discute (invano) di una legge sulle coppie di fatto e non è stato ancora colmato il gap con l'Europa per la mancanza di una normativa contro l'omofobia. Madrina della kermesse Maria Grazia Cucinotta, da sempre impegnata nella "lotta contro i pregiudizi". "Bisogna partire dalla politica - spiega l'attrice - bisogna avere leggi che tutelino i propri diritti, al di là di tutto lottiamo contro i pregiudizi". A Roma il Pride sfilerà "per liberare il Paese dai bigottismi e dagli integralismi che lo hanno frenato" e per rivendicare "pari dignità". Proprio nella Capitale si sono susseguiti alcuni episodi di omofobia ma la città, osserva Andrea Maccarrone portavoce del Pride romano, non si può dire intollerante. "Sono aumentate anche le denunce degli episodi di violenza - sottolinea -, è un segnale positivo, vuol dire che c'è una reazione, una maggiore visibilità, una maggiore voglia di denunciare e non accettare più i soprusi". Nella Capitale, intanto, si muove anche la politica: in discussione in commissione Giustizia alla Camera la legge contro l'omofobia, mentre Giancarlo Galan ed altri esponenti del Pdl hanno presentato un disegno di legge sulle unioni omoaffettive. Ma la chiave di volta, ribadisce Maccarrone, deve essere una parità vera. "Noi - conclude - chiediamo piena uguaglianza, noi chiediamo il matrimonio ugualitario per le coppie omosessuali". E il governatore della Sicilia Rosario Crocetta avverte: "In tema di matrimonio gay l'Italia vuole stare con la Francia, la Germania e l'Olanda o con la Lituania? Vogliamo essere il fanalino di coda dei diritti?".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Nato
Emiliano: Trump ignora la Nato? Potremmo rinegoziare trattati
Conti pubblici
Berlusconi: nuova manovra? Rimasti conti da pagare di Renzi
Pd
Pd nega tensione Renzi-Gentiloni su Agcom:non c'è inciucio con Fi
Usa
Gentiloni: Trump? Collaboreremo ma abbiamo i nostri valori
Altre sezioni
Salute e Benessere
Digital Magics cede partecipazione in ProfumeriaWeb a Free Bird
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Tutti a Montefalco per l'Anteprima Sagrantino
Turismo
Il Mascagni Luxury Dépendance entra nel circuito Space Hotels
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Sugli sci trainati dal drone: arriva il droneboarding
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4