sabato 25 febbraio | 21:48
pubblicato il 15/giu/2013 13:07

Gay: Gasparri, no discriminazioni, ma alzare voce in sostegno famiglia

Gay: Gasparri, no discriminazioni, ma alzare voce in sostegno famiglia

(ASCA) - Roma, 15 giu - ''Tra gay pride e proposte di ogni tipo e provenienza, la difesa della famiglia formata da uomo e donna sembra richiedere quasi una giustificazione preventiva. Non credo proprio ci si debba rassegnare a questa gara all'insegna del presunto politicamente corretto. Senza discriminare nessuno, bisogna ridimensionare il luogo comune dei diritti negati. E sostenere politiche per la famiglia dove padri e madri devono incontrare istituzioni amiche e politiche sociali ed economiche adeguate. C'e' una sorprendente sproporzione tra lo spazio e l'attenzione dedicati alle unioni gay e lo scarso rilievo che si da alla famiglia. Senza alimentare scontri e' tempo, per chi vuole incoraggiare politiche indispensabili soprattutto sotto il profilo fiscale, di far sentire ben chiara la propria voce''.

Lo dichiara Maurizio Gasparri, vicepresidente del Senato (Pdl). com-min

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Pd, Rosato: carte bollate? Emiliano si occupi di contenuti
Governo
Napolitano: equilibrio Gentiloni punto fermo da salvaguardare
Pd
Errani lascia Pd: ora nuova avventura, ma ci ritroveremo
Lavoro
Renzi: ruolo Stato non è offrire reddito ma lavoro di cittadinanza
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech