martedì 06 dicembre | 04:43
pubblicato il 22/set/2014 12:37

Gasparri: Renzi non mantiene promessa di saldare i debiti P.a.

(ASCA) - Roma, 22 set 2014 - "Oggi e' San Maurizio e, a differenza di Renzi, io onoro il mio Santo. Il presidente del Consiglio, invece, lascia alle asettiche note di Palazzo Chigi la giustificazione delle sue mancanze. Non ha mantenuto la promessa di saldare i debiti della PA entro il giorno di San Matteo e questo basta. I tecnici possono anche scrivere interi manuali sul come e il perche' alcune imprese hanno avuto e tante altre no, ma cio' serve solo a buttare fumo negli occhi eludendo il problema.

Ci sono aziende che chiudono perche' hanno un credito nei confronti dello Stato ma non riescono a reggere il peso delle tasse. Renzi aveva detto che avrebbe sanato entro settembre questa situazione, cosa che non ha fatto". Lo dichiara il Maurizio Gasparri, senatore di Forza Italia.

Pol/Luc

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Italicum a rischio, è già dibattito sulla nuova legge elettorale
Riforme
Dopo il voto Renzi dimissionario al Colle. Mattarella arbitro
Governo
M5S vuole il voto subito. Ma Di Maio premier non convince tutti
Governo
Stamattina colloquio informale Mattarella-Renzi al Quirinale
Altre sezioni
Salute e Benessere
Diabete, arriva in Italia penna con concentrazione doppia insulina

Roma, 5 dic. (askanews) - Un'iniezione "morbida", più facile, e una penna con il doppio delle unità di insulina disponibili per ridurre il numero di device da gestire: un...

Enogastronomia
Festa a Roma con Heinz Beck per i 30 anni del Gambero Rosso
Turismo
Eden Travel Group, il SalvaVacanza spinge l'advance booking
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Spazio, nuovo successo per il razzo italiano Vega
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari