lunedì 27 febbraio | 17:55
pubblicato il 05/mag/2011 19:43

G8/ Scajola: Mi impegnerò per stop processi mediatici e sommari

Io estraneo. Dimissioni per responsabilità, non ammissione colpa

G8/ Scajola: Mi impegnerò per stop processi mediatici e sommari

Roma, 5 mag. (askanews) - L'ex ministro Claudio Scajola, un anno e un giorno dopo le dimissioni dal dicastero dello Sviluppo economico per l'affaire della casa al Colosseo, sceglie un videomessaggio, pubblicato sul suo sito, per dire, a chiusura delle indagini, che è stata dimostrata la sua "estraneità", che la scelta di lasciare il governo non fu un'ammissione di colpa ma di "responsabilità" e che ora intende dare il suo "contributo" per opporsi ai "processi sommari e mediatici". "Un anno fa, proprio ieri, mi sono dimesso da ministro della Repubblica - ha detto - a seguito di una campagna di stampa molto violenta contro di me. Si era fatto passare il messaggio, attraverso virgolettati, che qualcuno nottetempo a mia insaputa avesse pagato parte della mia casa di Roma". "L'inchiesta che si è conclusa oggi - ha aggiunto Scajola - dimostra la mia estraneità a questa vicenda. Non solo. La perizia giurata sul valore di quell'immobile dimostra la congruità di quel prezzo". "Io mi sono dimesso un anno fa - ha affermato l'ex ministro - per rispetto nei confronti delle istituzioni. Ma quelle dimissioni, ho colto, sono state prese quasi come un'ammissione di colpa. Quasi che levare il disturbo per evitare che venisse coinvolto il governo, per permettere alla magistratura di fare il proprio lavoro, e per permettere di avere un po' più di serenità per me e per la mia famiglia, fosse una colpa". "Ho aspettato con ansia, con profonda tristezza ma con rispetto la chiusura di questa inchiesta. E soltanto oggi leggendo gli atti di questa inchiesta ho potuto verificare che quanto era virgolettato sui giornali, come dichiarazioni contro di me, non corrispondono in nessun modo ai verbali degli interrogatori". Scajola ha dunque concluso: "Sono estraneo a questa vicenda. C'è un insegnamento che traggo da quanto è successo: cercherò, per quanto mi è possibile, di portare il mio modesto contributo contro i processi sommari, contro i processi mediatici per far sì che nella politica le armi del confronto non siano quelle della calunnia, ma quelle del confronto tra idee e programmi. Per quanto potrò questo è il mio impegno, per quanto potrò cercherò in questo modo di rendere un po' di giustizia alla mia famiglia per quanto subito".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Calcio
Renzi: Ranieri tradito dai suoi giocatori, ma tornerà...
Pd
Renzi: D'Alema non ha mai digerito rospo, scissione Pd colpa sua
Dp
Rossi: noi fermeremo Grillo, alleanza con Pd se vince Orlando
Vitalizi
M5s: pensioni parlamentari come cittadini, basta ok a delibera
Altre sezioni
Salute e Benessere
Malattie rare, Scaccabarozzi: 560 farmaci in sviluppo nel mondo
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Premio Ercole Olivario, in gara 174 etichette da 17 Regioni
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
E.ON:Per 6 italiani su 10 ideale per la casa è l'energia solare
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Fisica, Masterclass: 3000 studenti alla scoperta delle particelle
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech