lunedì 23 gennaio | 07:40
pubblicato il 06/set/2013 15:56

G20: Letta, soddisfazione per risultato. L'Italia non e' piu' dietro la lavagna

G20: Letta, soddisfazione per risultato. L'Italia non e' piu' dietro la lavagna

(ASCA) - Roma, 6 set - ''Credo si debba salutare con soddisfazione il risultato finale di questo G20, nel quale, come e' evidente, per la prima volta l'Ialia non e' piu' un sorvegliato speciale, senza stare dietro la lavagna''. Lo ha dichiarato il presidente del Consiglio, Enrico Letta, nella conferenza stampa al termine del G20 di San Pietroburgo. Parlando piu' in generale delle conclusioni del vertice, il premier ha detto che ''l'occupazione giovanile e' il grande incubo del nostro tempo'' e al G20 di San Pietroburgo ''siamo riusciti a dare centralita''' a questo tema. ''Quella del lavoro - ha aggiunto - e' una questione sentita e molto importante: anche qui siamo riusciti a mettere una centralita' per il lavoro e per il lavoro dei giovani. Qui al G20 non si fanno leggi, ma si creano basi e consenso politico per andare nella direzione giusta''. Dunque, ha sintetizzato il presidente del Consiglio, ''da San Pietroburgo vengono messaggi molto positivi su crescita, lavoro e occupazione'', ''le 7 priorita' fissate sono state raggiunte in toto, compensando la profonda delusione per le divisioni'' che si sono registrate invece ''sulla Siria''.

La ripresa economica globale e' ''troppo debole, con il rischio di un ulteriore rallentamento e con alcuni mercati emergenti che mostrano particolare fragilita'''. Al termine dei lavori a San Pietroburgo i leader del G20 sottoscrivono una dichiarazione congiunta in cui ribadiscono la necessita' di ''rafforzare il ritmo della ripresa mondiale, generando maggiore crescita di lungo termine e posti di lavoro, evitando politiche che possano indebolire la ripresa''. ''Nonostante le nostre azioni, la ripresa e' troppo debole, e permangono rischi di peggioramento'', avvertono i leader nel loro 'piano d'azione di San Pietroburgo', con lo spettro della crisi siriana. ''Le previsioni di crescita globale per il 2013 sono state piu' volte riviste al ribasso nello scorso anno, il ribilanciamento globale e' incompleto, le disparita' di crescita delle varie regioni rimangono ampie, e la disoccupazione, particolarmente quella giovanile, rimane inaccettabilmente alta''. I leader di paesi avanzati ed emergenti concordano che la priorita' numero uno resta quella di ''rafforzare la crescita e la creazione di lavoro. Siamo pienamente impegnati ad intraprendere azioni decisive per tornare ad un percorso di crescita equilibrato, sostenibile, solido e pieno di occupazione''. ''Gli ultimi cinque anni - scrivono - sono stati fondamentali per affrontare la crisi finanziaria e rimettere l'economia mondiale sulla giusta strada. Ma il lavoro non e' ancora finito e resta essenziale concentrare i nostri sforzi per una uscita definitiva dalla crisi piu' lunga della storia moderna''. int/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Nato
Emiliano: Trump ignora la Nato? Potremmo rinegoziare trattati
Usa
Gentiloni: Trump? Collaboreremo ma abbiamo i nostri valori
Pd
Emiliano: se qualcuno apre il congresso mi candido segretario Pd
Governo
Gentiloni: D'Alema non aiuta la discussione, troppo polemico
Altre sezioni
Salute e Benessere
Nuove postazioni di telemedicina italiana no profit in Africa
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4