venerdì 24 febbraio | 14:35
pubblicato il 08/mar/2013 14:27

Fvg/Autonomia: Tondo, interlocuzione difficile con lo Stato

(ASCA) - Udine, 8 mar - E' stato il presidente della Regione Fvg, Renzo tondo, a concludere il convegno sui 50 anni di statuto di autonomia. ''Cinquant'anni fa la Regione non c'era: c'era il Friuli e c'era Trieste, bisognava mettersi assieme, creare i meccanismi per costruire lo sviluppo di un'area tra le piu' marginali del Paese, inventare strumenti che altre regioni non hanno: Autovie Venete, perche' nessuna regione e' proprietaria di una rete autostradale; Friulia e Mediocredito per intervenire a sostegno delle imprese anche laddove altre banche non intervengo; Promotur che, spendendo denaro pubblico, contribuisce allo sviluppo del tessuto produttivo; un Piano urbanistico per le scelte di gestione del territorio. E poi, affrontare le emergenze: la ricostruzione dal sisma innanzitutto''.

Queste le luci, nella sintesi di Tondo. Ma non mancano le ombre: l'eccesso di spesa pubblica, la questione delle sedi, delle Province, dei troppi Comuni di piccole dimensioni. E il lavoro, nodo centrale - ha detto il presidente della Regione - del nostro impegno politico, anche in prospettiva.

Oggi dobbiamo immaginare la specialita' e la nuova autonomia, come valore vero, un supporto rivolto a creare lavoro ed economia.

E se l'interlocuzione con lo Stato e la burocrazia rimangono nodi difficili, tre sono sostanzialmente le direzioni sulle quali muoverci, per costruire una autonomia rivolta al futuro: la prima riguarda la proiezione internazionale, con l'auspicata realizzazione della fiscalita' di vantaggio per far fronte alla concorrenza dei Paesi vicini; poi, un processo di sbrurocratizzazione da trattare anche con lo Stato; infine, un sostegno alle imprese che esportano e che, in ultima analisi, sono quelle che funzionano e fanno reddito; e su questo versante i GECT, ovvero i Gruppi europei di collaborazione territoriale, sono una strada innovativa.

Insieme - ha concluso Tondo - questi costituiscono i presupposti per una nuova visione e non solo per resistere alle difficolta' del cambiamento.

fdm

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Sinistra
Scotto: nuova forza di sinistra con ex Pd, con noi 17 ex Si
Ncd
Alfano: i moderati tornino uniti contro il populismo
Ue
Mattarella:Ue ha valore irreversibile, da crisi uscirà più forte
Pd
Nel Pd braccio di ferro su data primarie, Orlando in campo
Altre sezioni
Salute e Benessere
Tribunale malato: per 1 medico su 3 troppo poco tempo per paziente
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide:asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
A Londra apre una mostra su Lady Diana, icona della moda
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Internet of Things: dopo la "nuvola" si studia la "nebbia"
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech