domenica 22 gennaio | 01:33
pubblicato il 22/gen/2013 19:13

Fvg: Tondo, soddisfazione per riduzione numero consiglieri

(ASCA) - Trieste, 22 gen - Un risultato importante non solo per le istituzioni regionali, ma anche per tutti i cittadini del Friuli Venezia Giulia. Cosi' il presidente della Regione, Renzo Tondo, ha accolto la notizia della definitiva approvazione della legge costituzionale sulla riduzione dei consiglieri regionali, avvenuta oggi alla Camera dei Deputati.

La nuova legge, ricorda il presidente, permettera' di diminuire il numero degli eletti in Consiglio regionale dagli attuali 59 a 48 e comportera' un risparmio che puo' essere quantificato in circa 10 milioni di euro nella prossima legislatura. Si evita cosi' che alle elezioni regionali di primavera si vada a votare addirittura per uno o due consiglieri in piu', come conseguenza dell'ultimo censimento ufficiale Istat sulla popolazione, e non per una decina in meno come definito nella legge approvata dal Consiglio regionale del Friuli Venezia Giulia, e poi sottoposta al Parlamento, con l'obiettivo di ridurre i costi della politica e la spesa pubblica.

Si realizza in questo modo, secondo il presidente della Regione, un altro degli obiettivi principali dell'attuale legislatura regionale, indicato dallo stesso presidente nelle sue dichiarazioni programmatiche del settembre del 2011 e poi accolto dal Consiglio regionale.

Tondo ricorda di non aver mai smesso di credere e di lavorare per raggiungere questo traguardo, anche quando molti polemicamente ritenevano non fosse piu' raggiungibile, dopo la crisi politica del Governo Monti e la conseguente chiusura anticipata della legislatura nazionale.

Il presidente della Regione ha voluto nuovamente ringraziare il presidente della Camera, Gianfranco Fini, per aver voluto mettere in calendario la legge costituzionale, i capigruppo, l'onorevole Angelo Compagnon per il suo ruolo propulsivo, i parlamentari del Friuli Venezia Giulia e i deputati presenti oggi a Montecitorio.

Secondo Tondo, l'approvazione definitiva della legge costituzionale va vista come un riconoscimento, da parte del Parlamento, alla Regione Friuli Venezia Giulia, che ha dimostrato di essere in grado di attuare rilevanti riforme istituzionali, confermando la sua capacita' di esercitare l'Autonomia Speciale in modo responsabile.

fdm/sam/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Prodi: alla sinistra serve un nuovo riformismo
Governo
Grasso: legislatura duri fino a 2018 per recuperare tempo perduto
Pd
Guerini: Bene Prodi. Ora il Mattarellum, è lo strumento migliore
Parma
Pizzarotti: mi ricandido, non lascio un buon lavoro a metà
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4