lunedì 20 febbraio | 14:28
pubblicato il 22/gen/2013 19:13

Fvg: Tondo, soddisfazione per riduzione numero consiglieri

(ASCA) - Trieste, 22 gen - Un risultato importante non solo per le istituzioni regionali, ma anche per tutti i cittadini del Friuli Venezia Giulia. Cosi' il presidente della Regione, Renzo Tondo, ha accolto la notizia della definitiva approvazione della legge costituzionale sulla riduzione dei consiglieri regionali, avvenuta oggi alla Camera dei Deputati.

La nuova legge, ricorda il presidente, permettera' di diminuire il numero degli eletti in Consiglio regionale dagli attuali 59 a 48 e comportera' un risparmio che puo' essere quantificato in circa 10 milioni di euro nella prossima legislatura. Si evita cosi' che alle elezioni regionali di primavera si vada a votare addirittura per uno o due consiglieri in piu', come conseguenza dell'ultimo censimento ufficiale Istat sulla popolazione, e non per una decina in meno come definito nella legge approvata dal Consiglio regionale del Friuli Venezia Giulia, e poi sottoposta al Parlamento, con l'obiettivo di ridurre i costi della politica e la spesa pubblica.

Si realizza in questo modo, secondo il presidente della Regione, un altro degli obiettivi principali dell'attuale legislatura regionale, indicato dallo stesso presidente nelle sue dichiarazioni programmatiche del settembre del 2011 e poi accolto dal Consiglio regionale.

Tondo ricorda di non aver mai smesso di credere e di lavorare per raggiungere questo traguardo, anche quando molti polemicamente ritenevano non fosse piu' raggiungibile, dopo la crisi politica del Governo Monti e la conseguente chiusura anticipata della legislatura nazionale.

Il presidente della Regione ha voluto nuovamente ringraziare il presidente della Camera, Gianfranco Fini, per aver voluto mettere in calendario la legge costituzionale, i capigruppo, l'onorevole Angelo Compagnon per il suo ruolo propulsivo, i parlamentari del Friuli Venezia Giulia e i deputati presenti oggi a Montecitorio.

Secondo Tondo, l'approvazione definitiva della legge costituzionale va vista come un riconoscimento, da parte del Parlamento, alla Regione Friuli Venezia Giulia, che ha dimostrato di essere in grado di attuare rilevanti riforme istituzionali, confermando la sua capacita' di esercitare l'Autonomia Speciale in modo responsabile.

fdm/sam/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Pd, ultima trattativa con Emiliano su primarie dopo comunali
Pd
Renzi apre congresso Pd, minoranza accusa: "Sceglie scissione"
Sinistra
Nasce Sinistra italiana: "Da D'Alema non col cappello in mano"
Pd
Termina assemblea Pd, Orfini: "Congresso formalmente indetto"
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ordini Medici: pubblicità sanitaria selvaggia è allarme sociale
Motori
BMW presenta la nuova Serie 5 berlina
Enogastronomia
"Benvenuto Brunello" Guida Rossa Michelin firma piastrella 2016
Turismo
Turismo, Alpitour amplia la rete su Andalusia e Costa del Sol
Energia e Ambiente
Premio ai Vigili del fuoco per i voli su Amatrice e Rigopiano
Moda
Moda New York, la donna bon ton secondo Carolina Herrera
Scienza e Innovazione
Onde gravitazionali, taglio del nastro per Advanced Virgo
TechnoFun
Amazon, a tempo di record i lavori per nuovo centro vicino Roma
Sistema Trasporti
Ibar, Usa e Cina ancora al top per i voli dall'Italia