lunedì 23 gennaio | 16:39
pubblicato il 10/lug/2013 19:16

Fvg: Serracchiani conferma a ministro Slovenia no a rigassificatore

(ASCA) - Lubiana, 10 lug - ''Siamo troppo simili per continuare ad essere cosi' diversi. Abbiamo delle grandi opportunita' da cogliere per affrontare e superare insieme la crisi. Oggi a Lubiana sono state gettate le basi concrete per realizzare una collaborazione molto intensa tra i due Paesi''.

Lo ha affermato la presidente del Friuli Venezia Giulia, Debora Serracchiani, a conclusione dell'incontro svoltosi oggi nella capitale slovena con il ministro sloveno agli Affari esteri, Karl Erjavec.

Tra i settori nei quali appare necessario aumentare la collaborazione, l'economia, il turismo, l'agroalimentare, la cultura e le infrastrutture ''dove e' forse mancata in passato una adeguata sinergia'', ha commentato Serracchiani.

Occorre dunque utilizzare gli strumenti europei per incrementare la cooperazione bilatera, e' stato osservato, nei settori piu' specificatamente economici, nel campo delle infrastrutture e per la tutela ambientale.

Serracchiani ha quindi confermato a Erjavec la contrarieta' del Friuli Venezia Giulia alla costruzione del rigassificatore di Zaule.

Il ministro sloveno ha sottolineato la necessita' di allargare la collaborazione anche alla Croazia, in particolare per quanto riguarda gli interventi infrastrutturali da realizzare nell'Alto Adriatico.

''L'ingresso della Croazia nella Ue - ha confermato Serracchiani - e' un'occasione che Friuli Venezia Giulia e Slovenia devono imparare a governare e non subire. Friuli Venezia Giulia e Slovenia, in particolare i porti di Trieste e Capodistria, devono capire che assieme possono costituire una piattaforma logistica in cui tutti possono trovare il loro spazio''.

Erjavec e Serracchiani hanno poi riaffermato il comune impegno a riattivare la Commissione mista Fvg-Slovenia (ultima riunione nel 2011) per approfondire e migliorare la collaborazione.

''Tavoli di lavoro - ha spiegato la presidente della Regione - che devono essere attivati al piu' presto in forma molto snella ed operativa, per affrontare le priorita' oggi sul tappeto quali, ad esempio l'economia, la sanita', il sociale, le infrastrutture e l'energia, per avere assieme le idee piu' chiare su quello che vogliamo chiedere all'Europa. Bisogna arrivare preparati - ha concluso - alla programmazione 2014-20''.

Alla successiva conferenza stampa ha preso parte anche il ministro per gli Sloveni nel mondo e oltreconfine, Tina Komel, che nel corso dei colloqui aveva sottolineato ''l'importanza del cambio generazionale che ha fatto tanto e la scelta delle donne nella politica'', ribadendo ''la necessita' di guardare alle minoranze come ad un vantaggio''.

fdm/sam/ss

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Conti pubblici
Berlusconi: nuova manovra? Rimasti conti da pagare di Renzi
Pd
Pd nega tensione Renzi-Gentiloni su Agcom:non c'è inciucio con Fi
Usa
Gentiloni: Trump? Collaboreremo ma abbiamo i nostri valori
Pd
Emiliano: se qualcuno apre il congresso mi candido segretario Pd
Altre sezioni
Salute e Benessere
Digital Magics cede partecipazione in ProfumeriaWeb a Free Bird
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Tutti a Montefalco per l'Anteprima Sagrantino
Turismo
Alla scoperta di Piacenza con Sorgentedelvino Live
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Sugli sci trainati dal drone: arriva il droneboarding
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4