martedì 06 dicembre | 04:46
pubblicato il 29/nov/2012 21:58

Futuro Monti mette ansia alle truppe centriste, pressing sul Prof

Timori se 'tentenna'. Ma c'è un sospetto: Vuole carta bianca

Roma, 21 dic. (askanews) - "Però pure lui, lasciarci così nel dubbio. Mi sembra sor Tentenna?". Scherzano, ma neanche troppo, i deputati centristi. E' l'ultimo giorno di scuola, la campanella è suonata, il cordone ombelicale con Montecitorio è tagliato e i prossimi due mesi si schiudono davanti generando sensazioni che lambiscono l'horror vacui. A tranquillizzarli in fondo basterebbe un cenno di Mario Monti, che però ancora non arriva. Arriva invece una voce, che si spande nei Palazzi, che si alimenta nelle confidenze che i colonnelli del montismo si scambiano a mezza bocca. La voce prende forza e trae linfa, l'effetto finale assomiglia al panico. Eppure, solo ieri il Professore ha ricevuto un'inedita incoronazione a Melfi. Eppure da giorni i ministri-portavoce diffondono slogan tranquillizzanti. E Monti non fa nulla per frenarli, anzi. Eppure qualcosa è cambiato, Pier Ferdinando Casini e Luca Cordero di Montezemolo e Gianfranco Fini non garantiscono alle rispettive truppe l'agognato 'sì', seminano dubbi dopo colloqui con i massimi ambasciatori del montismo. E tanto basta per generare ansia. Non tutto è perduto, naturalmente, perchè ancora nulla è definitivo. C'è voglia di considerare anche l'opzione B. Quella C invece no, sarebbe devastante (per i centristi) uno schema d'intesa tra il Pd e il Professore in vista dei futuri assetti istituzionali, in cambio di un passo indietro. L'opzione B invece è racchiusa in un sospetto, quello che l'attuale premier stia frenando per ottenere una delega in bianco. Fosse un politico come gli altri, si direbbe che si tratta di un tentativo di alzare il prezzo. Perché Montezemolo frena sulla lista unica, Casini e Fini sono alle prese con resistenze interne fortissime, una costellazione di liste rischia di rendere meno credibile il progetto, a suon di trattative sulle 'quote'. Monti starebbe giocando questa partita, provano a rassicurarsi fra loro i colonnelli, in un vorticoso giro di chiamate che travalicano anche i confini di schieramento. Le prossime ore saranno determinanti. I big centristi sentiranno al telefono il Professore alla vigilia della conferenza stampa di domenica. Pronti a sfruttare anche solo uno spiraglio lasciato libero da Monti, magari accelerando bruscamente per dare una veste unitaria al progetto. Ma intanto i soldati semplici restano sulla graticola. E le Camere chiuse non aiutano a risollevare il morale.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Italicum a rischio, è già dibattito sulla nuova legge elettorale
Riforme
Dopo il voto Renzi dimissionario al Colle. Mattarella arbitro
Governo
M5S vuole il voto subito. Ma Di Maio premier non convince tutti
Governo
Stamattina colloquio informale Mattarella-Renzi al Quirinale
Altre sezioni
Salute e Benessere
Diabete, arriva in Italia penna con concentrazione doppia insulina

Roma, 5 dic. (askanews) - Un'iniezione "morbida", più facile, e una penna con il doppio delle unità di insulina disponibili per ridurre il numero di device da gestire: un...

Enogastronomia
Festa a Roma con Heinz Beck per i 30 anni del Gambero Rosso
Turismo
Eden Travel Group, il SalvaVacanza spinge l'advance booking
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Spazio, nuovo successo per il razzo italiano Vega
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari