domenica 04 dicembre | 05:03
pubblicato il 14/gen/2014 12:00

Francesco: cristiani non siano legalisti puri, no a ipocrisie

"Gesù insegna trasparenza e amore, no a corruzione e precetti"

Francesco: cristiani non siano legalisti puri, no a ipocrisie

Città del Vaticano, 14 gen. (askanews) - "Chiediamo al Signore che queste letture ci aiutino nella nostra vita di cristiani: tutti. Ognuno nel suo posto. A non essere legalisti puri, ipocriti come gli scribi e i farisei. A non essere corrotti come i figli di Eli. A non essere tiepidi come Eli, ma a essere come Gesù, con quello zelo di cercare la gente, di guarire la gente, di amare la gente e con questo dirle: 'Ma, se io faccio questo così piccolo, pensa come ti ama Dio, come è tuo Padre". Lo ha affermato, fra l'altro, Papa Francesco nell'omelia della Messa a Santa Marta, riportata dal sito di Radio Vaticana. "Questo - ha sottolineato Papa Bergoglio- è l'insegnamento nuovo che Dio chiede da noi. Chiediamo questa grazia". "Nella sua catechesi - ha ricordato ancora Papa Francesco- Gesù insegnava come uno che ha autorità, non come gli scribi" i quali invece "insegnavano, predicavano ma legavano la gente con tante cose pesanti sulle spalle, e la povera gente non poteva andare avanti". "Gesù stesso - ha ammonito il Pontefice- dice che loro non muovevano queste cose nemmeno con un dito, no? E poi, dirà alla gente: 'Fate quello che dicono ma non quello che fanno!'. Gente incoerente? Ma sempre questi scribi, questi farisei, è come se bastonassero la gente, no? 'Dovete fare questo, questo e questo', alla povera gente? E Gesù disse: 'Ma, così voi chiudete - lo dice a loro! - la porta del Regno dei Cieli. Non lasciate entrare, e neppure voi entrate!'. E' una maniera, un modo di predicare, di insegnare, di dare testimonianza della propria fede? E così, quanti ci sono che pensano che la fede sia cosa così?". "Quante volte - ha detto ancora- il popolo di Dio si sente non benvoluto da quelli che devono dare testimonianza: dai cristiani, dai laici cristiani, dai preti, dai vescovi? 'Ma, povera gente, non capisce niente... Deve fare un corso di teologia per capire bene'. Ma, perché ho certa simpatia per quest'uomo? Perché nel cuore ancora aveva l'unzione, perché quando la donna gli spiega la sua situazione, Eli le dice: 'Vai in pace, e il Dio di Israele ti conceda quello che gli hai chiesto'. Viene fuori l'unzione sacerdotale: pover'uomo, l'aveva nascosta dentro e la sua pigrizia? è un tiepido. E poi finisce male, poveretto". Di contro Gesù, ha spiegato ancora Papa Francesco, "cerca il cuore delle persone, Gesù si avvicina al cuore ferito delle persone. A Gesù soltanto interessa la persona, e Dio". Gesù, ha evidenziato, "vuole che la gente si avvicini, che lo cerchi e si sente commosso quando la vede come pecora senza pastore". E tutto questo atteggiamento, ha rilevato, "è quello per cui la gente dice: Ma, questo è un insegnamento nuovo. No, non è nuovo l'insegnamento: è il modo di farlo, nuovo. E' la trasparenza evangelica".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum,voto cattolico plurale:da no Family day a sì gesuiti
Riforme
Vigilia del voto, Sì e No si accusano di violare il silenzio
Riforme
Referendum, quante volte è cambiata la Costituzione dal '48 a oggi
Riforme
Referendum, sfida decisiva per la madrina delle riforme Boschi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari