venerdì 20 gennaio | 04:51
pubblicato il 20/feb/2014 12:00

Francesco apre il concistoro: "famiglia cellula fondamentale"

"Dio ha benedetto unione uomo-donna ma no a esame casistico"

Francesco apre il concistoro: "famiglia cellula fondamentale"

Città del Vaticano, 20 feb. (askanews) - "La famiglia è la cellula fondamentale della società umana". E "in questi giorni rifletteremo in particolare sul fatto che fin dal principio il Creatore ha posto la sua benedizione sull'uomo e sulla donna affinché fossero fecondi e si moltiplicassero sulla terra e che così la famiglia rappresenta nel mondo come il riflesso di Dio, uno e trino.". Ma "lo faremo con con profondità e senza cadere nella "casistica", perché farebbe inevitabilmente abbassare il livello del nostro lavoro". Lo ha sottolineato Papa Francesco, portando stamani il suo saluto nell'aula del Sinodo in Vaticano, all'apertura dei lavori del Consistoro straordinario per riflettere in particolare sul tema della famiglia che vede riunito con lui oggi e domani l'intero collegio dei Cardinali al quale prendono parte anche coloro che saranno creati Cardinali nel concistoro Ordinario pubblico di sabato prossimo. "La famiglia oggi - ha ammonito Papa Francesco- è disprezzata, è maltrattata, e quello che ci è chiesto è di riconoscere quanto è bello, vero e buono formare una famiglia, essere famiglia oggi; quanto è indispensabile questo per la vita del mondo, per il futuro dell'umanità". Di controp, "è dovere dei padri della Chiesa "mettere in evidenza il luminoso piano di Dio sulla famiglia e aiutare i coniugi a viverlo con gioia nella loro esistenza, accompagnandoli in tante difficoltà". Motivo per cui "la nostra riflessione avrà sempre presente la bellezza della famiglia e del matrimonio, la grandezza di questa realtà umana così semplice e insieme così ricca, fatta di gioie e speranze, di fatiche e sofferenze, come tutta la vita" e dunque "cercheremo di approfondire la teologia della famiglia e la pastorale che dobbiamo attuare nelle condizioni attuali". "Vi saluto cordialmente e ringrazio con voi il Signore - ha concluso il Papa il suo saluto ai Cardinali- che ci dona queste giornate di incontro e di lavoro comune". E "diamo il benvenuto in particolare ai vonfratelli che sabato saranno creati Cardinali e li accompagniamo con la preghiera e l'affetto fraterno".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
D'Alema: con Renzi non vinceremo mai, leader e premier nuovi
Terremoti
Terremoto, Salvini: il trombato Errani commissario è demenziale
Terremoti
Blog Grillo: col cuore in Abruzzo. E' il momento di essere uniti
Terremoti
Terremoto, Gentiloni presiede a Rieti vertice Protezione Civile
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella: in Usa il 10% della produzione di Amarone
Turismo
Da Bookingfax una App per riportare turisti in Agenzia di viaggio
Energia e Ambiente
Ambientalisti italiani in piazza per Trump
Moda
Moda, dopo Milano Brandamour apre uno show room anche a New York
Scienza e Innovazione
Alibaba diventa partner delle Olimpiadi fino al 2028
TechnoFun
Italiaonline si conferma prima internet company italiana
Sistema Trasporti
TomTom City, la piattaforma monitora il traffico in tempo reale