domenica 22 gennaio | 23:41
pubblicato il 16/mar/2011 05:10

Forse oggi rimpasto di governo, Berlusconi atteso al Colle

Premier informerà Napolitano. Fermento fra i Responsabili che vorrebbero anche un viceministro e quattro sottosegretari

Forse oggi rimpasto di governo, Berlusconi atteso al Colle

Roma, 16 mar. (askanews) - Potrebbe essere oggi il giorno del 'rimpastino' di governo, o almeno della prima tranche che porterebbe Saverio Romano a ricoprire la poltrona di ministro dell'Agricoltura e Giancarlo Galan su quella dei Beni culturali al posto di Sandro Bondi. Stamattina il presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi e Gianni Letta, dovrebbero essere ricevuti al Quirinale per prospettare al capo dello Stato, Giorgio Napolitano, le due nomine. Non è dunque escluso, ma dipenderà anche dal colloquio, che il giuramento si svolga nel pomeriggio. Nell'arco della settimana, infatti, non ci sono altre 'finestre' disponibili nell'agenda del presidente della Repubblica impegnato giovedì a Roma nelle celebrazioni dei 150 anni dell'unità d'Italia e fra venerdì a lunedì sera in una serie di cerimonie che lo porteranno a Torino, Milano e Varese. Sempre secondo quanto viene riferito, il premier sarebbe orientato ad assegnare domani soltanto queste due 'poltrone'. Ma Berlusconi si sarebbe 'scontrato' con le richieste del resto del gruppo dei Responsabili che prevedeva anche le nomine di un viceministro e quattro sottosegretari. C'è maretta poi su altri fronti. Per esempio dal sottosegretario per la Famiglia Carlo Giovanardi, che ha avvertito il premier Silvio Berlusconi: "In queste condizioni non sono in grado di esercitare la mia delega". Difatti dai 300 milioni disponibili tre anni fa si è passati a ai 25 del 2011: -90%. Il che significa niente soldi per le adozioni internazionali, per la conciliazione casa-lavoro per le donne, per i prestiti ai nuovi nati: insomma, "azzeramento" delle politiche per la famiglia. Giovanardi non minaccia dimissioni vere e proprie, ma solo perchè - ha precisato - "non c'è più nulla da cui dimettersi...". Ma dopo Sandro Bondi che ha chiesto di essere 'dimissionato' per i tagli alla Cultura, è un'altra grana. Una situazione che per l'opposizione - dal Pd, all'Udc passando per l'Idv - "certifica il fallimento del governo sulla famiglia".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Nato
Emiliano: Trump ignora la Nato? Potremmo rinegoziare trattati
Pd
Emiliano: se qualcuno apre il congresso mi candido segretario Pd
Governo
Gentiloni: D'Alema non aiuta la discussione, troppo polemico
Usa
Gentiloni: Trump? Collaboreremo ma abbiamo i nostri valori
Altre sezioni
Salute e Benessere
Nuove postazioni di telemedicina italiana no profit in Africa
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4