mercoledì 07 dicembre | 10:21
pubblicato il 17/set/2012 16:47

Fondi Pdl/ Polverini: una catastrofe, svolta o tutti a casa

Governatrice Lazio, scuse a cittadini ma per ora non si dimette

Fondi Pdl/ Polverini: una catastrofe, svolta o tutti a casa

Roma, 17 set. (askanews) - Se non c'è la svolta tutti a casa. Così la presidente della Regione Lazio, Renata Polverini, durante il suo intervento alla riunione straordinaria del consiglio regionale del Lazio dopo lo scandalo dei fondi del Pdl. "Voglio chiedere scusa ai cittadini del nostro Paese, perché siamo andati oltre". Una catastrofe per la politica, secondo la governatrice del Lazio, che spiega: "I tumori che stanno qui dentro, nella Regione, come quelli che stavano nella mia gola vanno estirpati oggi. Non intendo nella maniera più assoluta sottoporre questa Regione a uno stress di comunicazione che non consente a nessuno di dire ciò che di buono stiamo facendo". "In queste ultime due settimane la Regione è finita sulle prime pagine di tutti i giornali per l'uso abnorme e a dir poco disinvolto dei fondi al Consiglio regionale destinati ai gruppi - ha detto - ho sempre rispettato l'autonomia del Consiglio e dei gruppi, ma oggi sono qui per dire che a prescindere dal momento storico nel quale stiamo vivendo questo atteggiamento è considerato insopportabile e indecente dai cittadini". "Paragonerei questa cosa - ha aggiunto Polverini - alla all'inondazione di Firenze, una catastrofe per la politica italiana e per le istituzioni come allora per le bellezze che la storia ci ha consegnato. Allora si decise di spalare fango e porre un argine affinchè non succedesse più". "Ho scelto questa sede perchè anche se non ho la responsabilità amministrativa di ciò che è accaduto sento la responsabilità politica: ho deciso di venire qui - ha proseguito - per chiedere scusa a nome di tutti noi ai cittadini del Lazio per quello che hanno letto o ascoltato per ciò che si è consumato nelle nostre istituzioni, ai cittadini del nostro Paese perchè siamo andati oltre, chiedere scusa a tutte le altre istituzioni". "Non ci cado nel tritarifiuti dove qualcuno mi vuole buttare, se non c'è alternativa ce ne andiamo tutti a casa" ha continuato Polverini, rivendicando di essere stata "una persona che ha sempre lavorato, che non si è mai permessa nulla con danaro che non fosse frutto del proprio lavoro. Da domani mattina posso tornare da dove sono venuta. Almeno oggi - ha quindi chiesto ai consiglieri regionali - ci si comporti da persone serie, come non è stato in tante occasioni". "Voglio chiedere scusa alla mia famiglia che è stata trascinata in gogne mediatiche perchè ho deciso di mettere in gioco il mio impegno personale per questa Regione". "Siamo oggi nelle condizioni o di andare a casa, per come ci meriteremmo, o di rilanciare una partita alta e far partire da questa Regione un esempio: che la politica sana, al servizio della gente, quando arriva al fondo può risalire. Ma non c'è tempo per accordi e compromessi: oggi - ha quindi ribadito - o siamo tutti convinti che il tempo è scaduto oppure non credo valga la pena di andare avanti. O siamo convinti che se superiamo questo scoglio difficile siamo come la Concordia, ci siamo sfracellati ma per fortuna ancora non abbiamo morti, o non vale la pena di andare avanti".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Governo
Renzi vuole dalla direzione l'ok del Pd a elezioni anticipate
Governo
Renzi e Pd pronti a governo istituzionale: ma con numeri larghi
Governo
Udc esce da Ap di Alfano: nuovi gruppi contro voto anticipato
Governo
Bersani: Renzi vuole voto? Non si vince sulle macerie del Paese
Altre sezioni
Salute e Benessere
Robot indossabile ridà capacità di presa a persone quadriplegiche
Enogastronomia
Veronafiere,Danese:con Vinitaly salto qualità nei paesi asiatici
Turismo
Ponte Immacolata, per un italiano su due hotel è luogo dolce vita
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Robotica soft, macchine più versatili ispirate a piante e animali
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni