domenica 26 febbraio | 09:16
pubblicato il 15/set/2011 17:47

Fli/ Ok Fini a intesa con Pd in Molise, ma ci sono ancora veti

Inviata missione parlamentari per superare resistenze locali

Fli/ Ok Fini a intesa con Pd in Molise, ma ci sono ancora veti

Roma, 15 set. (askanews) - Si tratterebbe certamente di una piccola, ma importante svolta politica. Per la prima volta, almeno esplicitamente, Fli potrebbe schierarsi apertamente con il centrosinistra e un suo candidato, Paolo Frattura, in una tornata elettorale comunque non secondaria come il voto Regionale in Molise. L'indicazione che aprirebbe l'era del 'laboratorio Molise', implicita ma convinta, è arrivata da Gianfranco Fini nel corso dell'ufficio di Presidenza del partito. Il Presidente della Camera, stamane, ha bocciato senza appello l'alleanza con il Pdl Michele Iorio, anche alla luce del quadro politico attuale e delle difficoltà dei pidiellini. Tutti d'accordo sulla linea espressa da tempo da Fabio Granata, superate le resistenze di Italo Bocchino (che nelle scorse settimane sosteneva l'intesa con Iorio), superate anche le perplessità del coordinatore regionale molisano Quintino Pallante, la situazione si è ingarbugliata di fronte alle resistenze del coordinatore provinciale di Isernia Tony Incollingo, prima favorevole a presentare liste civiche terzopoliste ed espressione dei finiani, poi in contrasto con Pallante per la la rappresentanza futurista nel listino del candidato del centrosinistra. Dopo oltre sei ore di riunione (abbandonata comunque in corsa da Fini) si è deciso di 'spedire' una delegazione finiana da Roma in Molise, per sbrogliare la matassa. Alcuni deputati nazionali sono stati inviati in missione per superare l'ostacolo e permettere l'alleanza con il candidato del centrosinistra, abbandonando la cautela che fino a ieri spingeva verso la linea della neutralità. Una scelta resa possibile anche dal pubblico appello di Frattura ai finiani. Un altro dato significativo: in Molise, comunque vada, il Terzo Polo esce spaccato. Indipendentemente dalla scelta dei futuristi, infatti, l'Udc è pronta a sostenere il candidato del Pdl alle presidenza della Regione, mentre l'Api già si è espressa a favore dell'uomo del Pd.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Errani lascia Pd: ora nuova avventura, ma ci ritroveremo
Sinistra
Lavoro, scuola, ambiente: abito classico per la sinistra ex Pd
Pd
Pd, Rosato: carte bollate? Emiliano si occupi di contenuti
Governo
Napolitano: equilibrio Gentiloni punto fermo da salvaguardare
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech