domenica 04 dicembre | 05:33
pubblicato il 13/feb/2011 19:46

Fli/ Fini si impone su 'moderati',vincono Bocchino-Della Vedova

Tensioni, non passa linea Viespoli-Urso. Alleanza Menia-falchi

Fli/ Fini si impone su 'moderati',vincono Bocchino-Della Vedova

Rho (Milano), 13 feb. (askanews) - I militanti sono ormai lontani dalla fiera di Rho. Un deputato va in cerca di un panino, non è ancora in programma il ritorno a casa: "Il congresso - scherza - inizia ora". Nel padiglione 18 restano solo alcuni ragazzi ad arrotolare i lunghi tappeti e a ordinare migliaia di sedie. Con loro i vertici di Futuro e libertà. Chiusi in una stanza del retropalco, continuano fino alle 17 a litigare sull'organigramma del partito. E anche quando lasciano la Lombardia, il braccio di ferro continua. In effetti nel corso della tre giorni fondativa i dirigenti futuristi non hanno mai smesso di duellare, uno scontro sull'organigramma, un conflitto tra due anime che sono andate polarizzandosi: da una parte i 'falchi' pro Bocchino, Menia e alcuni finiani storici come Proietti e Lamorte. Dall'altra Viespoli e la gran parte dei senatori futuristi, insieme ad Adolfo Urso. Con loro, anche se più defilato, un altro finiano doc come Andrea Ronchi. Al termine di un'estenuante trattativa, trapela un'intesa di massima che permetterebbe di siglare un'armistizio, con il ticket Bocchino-Urso. Peccato che Fini non sia d'accordo. Il Presidente della Camera supera lo stallo sul nome del capogruppo - per il quale corrono Menia e Urso - imponendo un terzo nome. A sorpresa la spunta Benedetto Della Vedova, mai missino, mai aennino, fra i finiani dell'ultima generazione. Il leader di An è descritto come molto irritato per l'infinito braccio di ferro. Irritato soprattutto per una trattativa che è sembrata in più occasioni essere sull'orlo della rottura, minacciata dai senatori anti-Bocchino. Raccontano che Viespoli e Saia, Valditara e Baldassarri, tutti fortemente ostili all'ormai ex capogruppo, abbiano minacciato di far saltare il gruppo di Palazzo Madama. Ma si sono scontrato con la volontà mai nascosta in privato da Fini di mettere Bocchino alla guida di Fli. Il vero sconfitto è Adolfo Urso, entrato coordinatore ed uscito portavoce. Prendere o lasciare, è stato il messaggio che Fini gli ha recapitato. Destino diverso da quello di Bocchino, entrato capogruppo e uscito leader del partito. Menia, fino all'ultimo dato in corso per il ruolo di capogruppo e nominato coordinatore nazionale, vede sfuggire la carica di Montecitorio ma ottiene il ruolo politico di 'vice' Bocchino, frutto di un'alleanza siglata in gran segreto prima dell'assemblea costituente, dopo anni di rapporti tormentati. Il presidente dell'assemblea nazionale diventa Andrea Ronchi. Anche il rischio di una conta ha lambito l'assemblea costituente. Dopo un documento-denuncia che i senatori avevano consegnato a Fini, il duo siciliano Briguglio-Granata, supportato da alcuni finiani 'storici', ha raccolto le firme su un altro documento per chiedere a Fini di decidere. O, in alternativa, di lasciar decidere l'assemblea. Una soluzione traumatica, che Fini ha inteso evitare, tentando un'ulteriore mediazione. Poi, in volo da Milano a Roma, il Presidente della Camera decide di dare un segnale di forza, imponendo Bocchino a Viespoli e ai senatori, tirando fuori dal cilindro Della Vedova e bocciando Urso. Con quali conseguenze, si vedrà nelle prossime ore.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum,voto cattolico plurale:da no Family day a sì gesuiti
Riforme
Vigilia del voto, Sì e No si accusano di violare il silenzio
Riforme
Referendum, quante volte è cambiata la Costituzione dal '48 a oggi
Riforme
Referendum, sfida decisiva per la madrina delle riforme Boschi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari