lunedì 05 dicembre | 09:46
pubblicato il 11/set/2011 20:55

Fli/ Fini a Mirabello con i 'suoi' tremila: avanti il terzo polo

Berlusconismo al tramonto, siamo alla fine di un regno

Fli/ Fini a Mirabello con i 'suoi' tremila: avanti il terzo polo

Mirabello (Ferrara), 11 set. (askanews) - "Prendi in mano questo partito, che ce n'è assolutamente bisogno". Il presidente della Camera ha appena terminato il suo intervento alla 30esima Festa del Tricolore a Mirabello e, prima di mettersi a tavola nell'area della festa allestita da Fli, rassicura i militanti che lo invocano: "Tranquilli, tranquilli"; non una parola di più. Gianfranco Fini, ad un anno dalla rottura con Silvio Berlusconi ("che fai? mi cacci?") rivendica la sua distanza dall'attuale governo, che critica a più riprese, lancia il terzo polo alla guida del Paese, incoraggia la raccolta di firme per il referendum contro il 'Porcellum' ed elogia l'operato di Napolitano. Chi si aspettava le dimissioni dalla terza carica dello Stato per rimarcare ancora di più la distanza dal premier, va a casa deluso: "Quello è solo l'auspicio de 'Il Giornale'". Sono non più di tremila gli ex di An arrivati nella nuova area dove è stata allestita quest'anno la Festa del Tricolore, dopo che il Pdl locale ha 'scippato' la storica piazza del piccolo comune nel ferrarese. "Questa sarà la nostra location anche il prossimo anno - ha detto l'organizzatore storico della festa Vittorio Lodi, suscitando ovazioni da stadio - e speriamo di non avere più questo premier alla guida del Paese". Non è pacato nei toni nemmeno Fini quando si rivolge a Berlusconi: "Nessuno può dire che è la causa di quella difficoltà di coesione nazionale che oggi si registra. Ma un certo modo di concepire le istituzioni e certe abitudini non solo non hanno rafforzato la coesione, ma hanno rischiato di indebolirla". Attacchi anche alla Lega Nord: il suo "predominio nel Governo - ha detto in un passaggio - rischia di sfilacciare la coesione nazionale. Il Nord non ha bisogno dell'ampolla, delle camicie verdi, della Padania, ma di un governo in grado di governare". Soltanto Napolitano si salva: "Credo ci sia la necessità, in questa fase della nostra storia, di parlare il linguaggio della responsabilità, dell'unità nazionale, dell'unità per uscire dalla crisi. E ringrazio il presidente della Repubblica perché non perde occasione per dire che c'è un altro modo di concepire le istituzioni rispetto a chi le usa per raggiungere determinati obiettivi, e non sempre nobili". Completamente bocciata la manovra che è ora in discussione alla Camera, che il leader di Fli identifica come il gioco del Monopoly alla sua quarta riscrittura. "L'elettorato del centrodestra non è un club di milionari. Se si rifiuta l'idea di tassare i redditi particolarmente elevati, se si considera offensivo per l'elettorato di centrodestra la patrimoniale e si preferisce tagliare a enti locali, si dimostrano di non capire che l'elettorato di centrodestra è anche fatto di pensionati e lavoratori". Fini non fa il passo più lungo della gamba: "Fermo restando il mio dovere di imparzialità come presidente della Camera - dice quasi al termine del suo intervento - non c'è dubbio alcuno che ci incontreremo sempre più nelle piazze, ovunque si possa ridare forza al popolo di centrodestra". Ora è tempo che "il Terzo polo si candidi a guidare il paese o altrimenti non farà breccia nel cuore del paese". Non pensa ad un partito, piuttosto ad un "movimento" che dovrà essere capace "di smuovere idee nuove e spiazzare gli avversari" e in particolare "il berlusconismo che è al tramonto. Non si sa quando calerà il sipario, ma di sicuro siamo alla fine di un regno". Prima di affrontare i suoi a Mirabello Fini, assieme alla compagna Elisabetta Tulliani, ha visitato la mostra "Gli anni folli" allestita al Palazzo Diamanti di Ferrara, accompagnato da Dario Franceschini e il sindaco della città emiliana Tiziano Tagliani. Poi un ricordo all'11 settembre: "Quel giorno ricordo l'enorme sgomento per le immagini televisive che sembravano più un film che la realtà. C'era una sensazione di grande disorientamento. E' una data tornante della storia. Dieci anni dopo siamo tutti più sicuri, nel senso che c'è la consapevolezza della necessità di uno stretto raccordo per individuare e colpire le centrali del terrorismo".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum, Di Maio: da domani al lavoro per futuro governo M5s
Riforme
Referendum,Si:respinti rappresentanti no a scrutinio voto estero
Riforme
Referendum, Renzi: ho perso io e mi dimetto, ma senza rimorsi
Riforme
Referendum, affluenza boom alle urne: alle 19 è già al 57,24%
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari