domenica 04 dicembre | 11:33
pubblicato il 08/apr/2011 20:51

Fli/ Esplode area dissenso, gelo di Fini. E arrivano primi addii

Presidente ha visto Urso-Ronchi due giorni fa, senza passi avanti

Fli/ Esplode area dissenso, gelo di Fini. E arrivano primi addii

Roma, 8 apr. (askanews) - Lascia Enzo Rivellini, dopo giorni di braccio di ferro in Campania per la linea politica e il sostegno al candidato del Pdl. Si dimette da coordinatore di Rieti l'europarlamentare Potito Salatto. Rimette gli incarichi che ricopre nel partito il senatore Candido De Angelis. Inizia a emergere chiara la linea del dissenso nel partito, l'area malpancista che medita l'addio. E a capitanare chi chiede un nuovo centrodestra ci sono due big futuristi come Adolfo Urso, e Andrea Ronchi, che da tempo sollecitano una linea politica diversa e mantiene un dialogo costante con settori del Pdl, a partire da Denis Verdini e Altero Matteoli. Certo, nessuno dei malpancisti (Rivellini a parte) si spinge ufficialmente a dire che lo strappo è dietro l'angolo. E anzi uno di loro nega di essere pronto allo strappo: "Mi devono cacciare". Ma fonti di Fli raccontano del gelo assoluto dei vertici del partito verso Urso e Ronchi, a partire da Gianfranco Fini. Il Presidente della Camera, raccontano le stesse fonti, li ha incontrati poco più di 48 ore fa, mantiene un contatto con Urso e Ronchi - storicamente suoi fedelissimi - ma ostenta con i suoi un atteggiamento 'polare' verso quest'area del dissenso. Dal Pdl, intanto, non nascondano il dialogo con Urso e Ronchi e nell'area malpancista vanno annoverati anche il deputato Pippo Scalia, gli eurodeputati Salatto e Rivellini, il senatore De Angelis. L'addio, secondo fonti del Pdl e di Fli, potrebbe consumarsi politicamente proprio sul nodo dell'esito delle amministrative. Anche questa possibilità è però seccamente smentita dai diretti interessati. Dopo l'addio di Rivellini e la sua sostituzione con il neo futurista Muro, oggi è scoppiato il caso Lazio. Molto duro in particolare è stato Salatto, che ha attaccato: "La mia decisione è dolorosa, ma assolutamente inevitabile: annuncio ufficialmente le mie dimissioni da coordinatore di Futuro e libertà per la provincia di Rieti. La misura è colma, la gestione di Fli nella regione è ormai assolutamente scandalosa. E la causa sta soprattutto nell'atteggiamento di due deputati peraltro non eletti sul territorio, ovvero il coordinatore regionale Buonfiglio e quello di Latina Barbaro". Il caso Latina e la eventuale 'discesa in campo' di Antonio Pennacchi ha generato fra i futuristi una situazione caotica, tanto che l'esito più probabile resta un sostegno esterno, da intellettuale, dello scrittore alla lista di Fli nel centro laziale.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum, seggi aperti in tutta Italia: sì o no a riforma Renzi
Riforme
Referendum,voto cattolico plurale:da no Family day a sì gesuiti
Riforme
Vigilia del voto, Sì e No si accusano di violare il silenzio
Riforme
Referendum, quante volte è cambiata la Costituzione dal '48 a oggi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari