sabato 03 dicembre | 14:39
pubblicato il 25/lug/2013 18:52

Fisco: Maroni, o Fassina o Letta si dovrebbero dimettere

(ASCA) - Milano, 25 lug - O il viceministro Stefano Fassina o il premier Enrico Letta si dovrebbero dimettere. L'aut aut arriva dal presidente della Regione Lombardia, Roberto Maroni, dopo le parole di Fassina sulla ''evasione di sopravvivenza''. ''Fassina - ha detto Maroni a margine degli 'Stati generali della Ricerca' in Regione Lombardia - non e' l'ultimo arrivato, ha detto cose che contrastano con le parole del premier Letta''.

Percio', secondo il segretario della Lega Nord, ''qualcuno dei due dovrebbe essere rimosso dal suo incarico''. Detto questo, Maroni ha precisato di essere d'accordo con il capo del governo: ''Dissento da Fassina, l'evasione va sempre contrastata''.

Per il numero uno del Carroccio, e' stata anche l'occasione per denunciare la ''doppia morale e il doppiopesismo tipico della sinistra. Berlusconi e' stato puntualmente accusato di essere un sostenitore dell'evasione fiscale. Fassina ha detto le stesse cose ma non mi pare che sia stato oggetto di nessuna contestazione''. fcz/mar

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Politici, vip e costituzionalisti, tutti divisi al referendum
Riforme
Referendum, Renzi: con Mattarella italiani sono in ottime mani
Riforme
Referendum, Grillo: se perdiamo contro il mondo va bene lo stesso
Riforme
Referendum, Berlusconi: con voto a matita possibili i brogli
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari