lunedì 20 febbraio | 10:31
pubblicato il 25/lug/2013 18:52

Fisco: Maroni, o Fassina o Letta si dovrebbero dimettere

(ASCA) - Milano, 25 lug - O il viceministro Stefano Fassina o il premier Enrico Letta si dovrebbero dimettere. L'aut aut arriva dal presidente della Regione Lombardia, Roberto Maroni, dopo le parole di Fassina sulla ''evasione di sopravvivenza''. ''Fassina - ha detto Maroni a margine degli 'Stati generali della Ricerca' in Regione Lombardia - non e' l'ultimo arrivato, ha detto cose che contrastano con le parole del premier Letta''.

Percio', secondo il segretario della Lega Nord, ''qualcuno dei due dovrebbe essere rimosso dal suo incarico''. Detto questo, Maroni ha precisato di essere d'accordo con il capo del governo: ''Dissento da Fassina, l'evasione va sempre contrastata''.

Per il numero uno del Carroccio, e' stata anche l'occasione per denunciare la ''doppia morale e il doppiopesismo tipico della sinistra. Berlusconi e' stato puntualmente accusato di essere un sostenitore dell'evasione fiscale. Fassina ha detto le stesse cose ma non mi pare che sia stato oggetto di nessuna contestazione''. fcz/mar

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Pd, ultima trattativa con Emiliano su primarie dopo comunali
Pd
Cuperlo a Renzi: scendi da auto, non fare 'Gioventù bruciata'
Pd
Renzi si dimette da segretario Pd, ora candidature o congresso
Pd
Renzi apre congresso Pd, minoranza accusa: "Sceglie scissione"
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ordini Medici: pubblicità sanitaria selvaggia è allarme sociale
Motori
BMW presenta la nuova Serie 5 berlina
Enogastronomia
"Benvenuto Brunello" Guida Rossa Michelin firma piastrella 2016
Turismo
Turismo, Alpitour amplia la rete su Andalusia e Costa del Sol
Energia e Ambiente
Premio ai Vigili del fuoco per i voli su Amatrice e Rigopiano
Moda
Moda New York, la donna bon ton secondo Carolina Herrera
Scienza e Innovazione
SpaceX, rinviato lancio del Falcon-9 dalla piattaforma Nasa 39-A
TechnoFun
Amazon, a tempo di record i lavori per nuovo centro vicino Roma
Sistema Trasporti
Ibar, Usa e Cina ancora al top per i voli dall'Italia