domenica 04 dicembre | 03:36
pubblicato il 08/lug/2014 18:41

Fisco: M5S Camera, Pd ipocrita su pos professionisti ed Equitalia

(ASCA) - Roma, 8 lug 2014 - ''E' incredibile l'ipocrisia mostrata dal Pd in questi giorni alla Camera sui temi del fisco e dell'economia''. Lo denunciano i deputati M5S. ''Oggi nelle commissioni Finanze e Attivita' produttive - proseguono - si discuteva della nostra risoluzione sul pos obbligatorio per commercianti, artigiani e professionisti, un documento che chiede semplicemente di prevedere una tutela per le start-up e per le Pmi e che punta inoltre a porre i costi di gestione dei pagamenti elettronici a carico delle banche e non delle imprese. Il capogruppo democratico in Finanze, Marco Causi, ha bollato la risoluzione M5S come populista, insensata e dunque irricevibile, mentre il suo collega di partito in commissione Attivita' produttive, Gianluca Benamati, si e' dimostrato molto piu' possibilista e aperto a ricevere il nostro testo come base di discussione''.

''Il Partito democratico ha recitato, insomma, le due parti in commedia. Proprio come ha fatto lo stesso Causi sulla legge per l'abolizione di Equitalia. Dapprima ci ha liquidati, secondo copione, come populisti, superficiali e ''agitatori di seguaci'. Poi, oggi, con la nostra proposta gia' in aula, ha cambiato idea, indicandoci la possibilita' di far rientrare il testo in commissione (prerogativa, tra l'altro, della maggioranza) per discutere e approfondire ancora alcuni punti ''importanti per il Paese' in attesa delle scelte del governo sulla riscossione legate alla delega fiscale'', spiega il Gruppo M5S Camera. ''Sara' giunto a Causi un sussurro, un suggerimento esterno che lo ha portato a piu' miti consigli? Magari nel Pd sono preoccupati dell'impatto di immagine di un partito che appare come il difensore di Equitalia? Perche' solo ora si aprono a un dialogo sulla nostra proposta? Noi andiamo avanti e non crediamo a questi voltafaccia improvvisi da parte della maggioranza che ieri descriveva la nostra legge come un enorme danno per l'Italia e oggi chiede di poter tornare in commissione. Noi - chiudono i deputati M5S - preferiamo mantenere la nostra coerenza sui provvedimenti che interessano ai cittadini''. com/vlm

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum,voto cattolico plurale:da no Family day a sì gesuiti
Riforme
Vigilia del voto, Sì e No si accusano di violare il silenzio
Riforme
Referendum, quante volte è cambiata la Costituzione dal '48 a oggi
Riforme
Referendum, sfida decisiva per la madrina delle riforme Boschi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari