giovedì 19 gennaio | 23:25
pubblicato il 03/lug/2013 16:16

Fisco: Legambiente, modificare Tares. Chi sporca di piu' paghi di piu'

Fisco: Legambiente, modificare Tares. Chi sporca di piu' paghi di piu'

(ASCA) - Roma, 3 lug - E' iniziata la raccolta firme per la petizione popolare ''Chi inquina paga, chi produce meno rifiuti deve risparmiare'' promossa - spiega una nota - da Legambiente, nell'ambito della sua campagna Italia rifiuti free. Chi produce meno rifiuti - e' la proposta di Legambiente - dovrebbe essere premiato, mentre la Tares, la nuova tassa sui rifiuti rischia, al contrario, di aggravare ulteriormente il peso fiscale sugli italiani in maniera ingiusta. La petizione - indirizzata al presidente del consiglio dei ministri Enrico Letta e ai ministri dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare Andrea Orlando e dell'economia e delle finanze Fabrizio Saccomanni - chiede al governo di rivedere questo tributo in maniera tale da rispettare il principio europeo ''chi inquina paga'', calcolandolo solo sulla effettiva produzione di rifiuti indifferenziati e consentendo cosi' alle utenze piu' virtuose di pagare di meno. I primi firmatari della petizione sono Vittorio Cogliati Dezza, presidente nazionale di Legambiente, Mario Tozzi, divulgatore scientifico, Luca Mercalli, presidente della Societa' Meteorologica Italiana, Cristina Gabetti, curatrice della rubrica Occhio allo Spreco della trasmissione Striscia la Notizia, Enzo Favoino, Scuola agraria del Parco di Monza, Roberto Cavallo, presidente dell'Associazione Internazionale per la Comunicazione Ambientale, e Walter Ganapini, ambientalista.

In Italia - prosegue il testo della petizione che puo' essere firmata anche online sul sito di Legambiente - la gestione dei rifiuti sta vivendo una fase di grande evoluzione. Sono oltre 1300 i Comuni che in tutto il Paese superano l'obiettivo di legge del 65% di raccolta differenziata mentre si stanno diffondendo le buone pratiche locali e sono sempre piu' numerosi gli impianti di riciclaggio. Ma - evidenziano gli ambientalisti - in piu' di 7mila comuni italiani l'ammontare della tassa non e' determinato secondo la quantita' di rifiuti prodotti, mentre solo alcune centinaia di enti locali fanno pagare in base alle quantita' effettivamente prodotte grazie alla tariffazione puntuale. Oggi e' possibile affrontare in concreto la sfida della riduzione, come e' riuscita a fare ad esempio la Germania, utilizzando un'equa leva economica, introducendo un criterio di giustizia e sostenibilita' ambientale e alleggerendo la pressione fiscale sui piu' virtuosi. Solo in questo modo - conclude Legambiente - si contribuira' davvero a liberare l'Italia dal problema rifiuti, facendo entrare il nostro Paese a pieno titolo in quella ''societa' europea del riciclaggio'' alla base nella nuova direttiva europea. com-stt/rus

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
D'Alema: con Renzi non vinceremo mai, leader e premier nuovi
Terremoti
Terremoto, Salvini: il trombato Errani commissario è demenziale
Terremoti
Blog Grillo: col cuore in Abruzzo. E' il momento di essere uniti
Terremoti
Terremoto, Gentiloni presiede a Rieti vertice Protezione Civile
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella: in Usa il 10% della produzione di Amarone
Turismo
Da Bookingfax una App per riportare turisti in Agenzia di viaggio
Energia e Ambiente
Ambientalisti italiani in piazza per Trump
Moda
Moda, dopo Milano Brandamour apre uno show room anche a New York
Scienza e Innovazione
Alibaba diventa partner delle Olimpiadi fino al 2028
TechnoFun
Italiaonline si conferma prima internet company italiana
Sistema Trasporti
TomTom City, la piattaforma monitora il traffico in tempo reale