venerdì 02 dicembre | 23:35
pubblicato il 21/nov/2013 16:19

Fisco: Garante, ok redditometro ma ridurre rischi per privacy

Fisco: Garante, ok redditometro ma ridurre rischi per privacy

(ASCA) - Roma, 21 nov - Il Garante per la privacy ha dato il via libera al cosiddetto 'redditometro', ma ha prescritto all'agenzia delle entrate l'adozione di una serie di misure e accorgimenti per ridurre al minimo i rischi per la privacy delle persone e nel contempo rendere lo strumento di accertamento piu' efficace nella lotta all'evasione fiscale.

In seguito all'esame del Garante, le misure che renderanno il nuovo redditometro conforme alla normativa sulla privacy sono la profilazione, cioe' il reddito del contribuente potra' essere ricostruito utilizzando unicamente spese certe e spese che valorizzano elementi certi, senza utilizzare spese presunte basate unicamente sulla media Istat. In secondo luogo, i dati delle spese medie Istat non potranno essere utilizzati per determinare l'ammontare di spese frazionate e ricorrenti per le quali il fisco non ha evidenze certe. Tali dati infatti, riferibili allo standard di consumo medio familiare, non possono essere ricondotti correttamente ad alcun individuo, se non con notevoli margini di errore in eccesso o in difetto.

Altra misura e' quella del 'fitto figurativo' (attribuito al contribuente in assenza di abitazione in proprieta' o locazione nel comune di residenza) che non verra' utilizzato per selezionare i contribuenti da sottoporre ad accertamento, ma solo ove necessario a seguito del contraddittorio. Il 'fitto figurativo' dovra' essere attribuito solo una volta verificata la corretta composizione del nucleo familiare, per evitare le incongruenze riscontrate dal Garante.

L'Agenzia dovra' poi porre particolare attenzione alla qualita' e all'esattezza dei dati cosi' da prevenire e correggere le evidenti anomalie riscontrate nella banca dati o i disallineamenti tra famiglia fiscale e anagrafica. La corretta composizione della famiglia e' infatti rilevante per la ricostruzione del reddito familiare, l'individuazione della tipologia di famiglia o l'attribuzione del fitto figurativo. A sua volta, il contribuente dovra' essere informato, attraverso l'apposita informativa allegata al modello di dichiarazione dei redditi e disponibile anche sul sito dell'agenzia delle entrate, del fatto che i suoi dati personali saranno utilizzati anche ai fini del redditometro.

Infine, nell'invito al contraddittorio dovra' essere specificata chiaramente al contribuente la natura obbligatoria o facoltativa degli ulteriori dati richiesti dall'Agenzia e le conseguenze di un eventuale rifiuto anche parziale a rispondere. I dati presunti di spesa non potranno costituire oggetto del contraddittorio. E questo perche' la richiesta di tali dati entra in conflitto con i principi generali di riservatezza e protezione dati sanciti in particolare dalla Convenzione europea dei diritti dell'uomo.

red/rus

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Renzi: brogli voto estero? Film che ritorna da chi teme sconfitta
Riforme
Referendum, Salvini: voto estero comprato ma no vincerà comunque
Riforme
Renzi: col Sì Italia più forte in Ue su crescita e immigrazione
Riforme
Referendum, Renzi: con Mattarella italiani sono in ottime mani
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari