domenica 22 gennaio | 22:19
pubblicato il 16/mag/2014 16:49

Fisco: De Girolamo (Ncd), presentata pdl compensazione debiti/crediti

(ASCA) - Roma, 16 mag 2014 - ''Il Nuovo Centrodestra e' dalla parte dell'Italia e delle imprese che sono in affanno per mancanza di liquidita' e per la stretta del credit crunch.

Per questo, abbiamo presentato una proposta di legge, pensata a supporto del programma del governo, con due obiettivi: la liquidazione di circa 60 miliardi di debiti della P.A. e la destinazione alle imprese di questo flusso di denaro, per far ripartire la filiera della produzione''. E' quanto annuncia in una nota la capogruppo del Ncd, Nunzia Di Girolamo.

''Intendiamo correggere - spiega la capogruppo Ncd - gli automatismi previsti nel pagamento dei debiti da parte dalla P.A. a fronte di pendenze con Equitalia. Il testo messo a punto da Ncd prevede l'erogazione all'imprenditore del 50% di quanto dovuto dall'amministrazione pubblica a fronte dell'impegno di chiedere la rateizzazione del debito fiscale.

Superata questa procedura viene liquidata l'altro 50% del credito vantato nei confronti della Pubblica amministrazione''. Nella nota si legge inoltre che, ''in particolare, con questa proposta, le aziende potranno incassare l'intero credito soddisfacendo, al contempo, la corretta pretesa erariale. Con un sistema bilanciato tra interessi pubblici e privati, si riuscirebbe a lasciare invariato il bilancio dello Stato rispetto ai propri crediti che non verrebbero falcidiati e, nel contempo si libererebbero quelle risorse che sono piu' che necessarie in un momento economico cosi' drammatico. Le aziende, infatti, saranno libere di scegliere le modalita' di soddisfacimento dei crediti della P.A.

attraverso un meccanismo semplice, chiaro, snello e, soprattutto, sburocratizzato''. ''La proposta prevede che, in caso di un debito/credito tra azienda e P.A., quest'ultima dovra' provvedere immediatamente al pagamento del primo 50%. Il restante 50% resta, invece, vincolato a favore dell'Ente impositore, nel caso di avvisi di accertamento, o dell'Agente della riscossione in caso di ruoli esattoriali, e viene sbloccato solo dopo che l'azienda abbia proposto, entro 15 giorni dal primo pagamento, istanza di rateizzazione e la stessa sia stata accolta. In caso contrario la somma andra' versata direttamente all'agente della riscossione. La proposta chiarisce, inoltre, il meccanismo che consentira' alle imprese, il cui Documento di regolarita' contributiva non sia in regola, come accedere in ogni caso alle risorse a disposizione, sempre salvaguardando sia la parte pubblica, che il privato in un unico obiettivo di salvaguardia del 'sistema imprese' e, soprattutto, dei livelli occupazionali.

Vi e', inoltre, la possibilita' di sospensione del pagamento di imposte e tasse da parte delle aziende, a fronte di un credito verso la P.A. non prescritto e certificato con le modalita' gia' previste dai decreti del Mef. ''E' apparso necessario stabilire disposizioni aggiuntive - precisa De Girolamo - rispetto a quelle emanate negli ultimi mesi, le quali non solo appaiono poco praticabili in ragione della complessita' delle procedure descritte, ma sono poco risolutive con riguardo allo stock dei pagamenti arretrati''. ''In caso di ritardato pagamento, da parte di amministrazioni statali ed enti territoriali, di somme dovute per somministrazioni, forniture, appalti e servizi, anche professionali, il debitore potra' sospendere, per l'importo corrispondente al credito certificato, il versamento di tasse, imposte e tributi finche' non sara' soddisfatto nell'intero credito vantato''.

''In tal senso - sottolinea il capogruppo Ncd - e' anche apparso necessario specificare che, per il ritardo del pagamento di questi debiti erariali, non possano essere addebitate eventuali sanzioni, more ed interessi che per qualsiasi ragione maturassero per il ritardato o mancato pagamento, sempre nei limiti della concorrenza dell'importo massimo del credito maturato. In questo modo, le imprese vedranno alleviati, almeno in parte, i problemi di liquidita' ed il debito erariale, a tutela del bilancio statale rimarra', comunque, invariato''.

''Al fine, quindi, di consentire una coerenza con l'attuale proposta di legge - conclude De Girolamo - si e' ritenuto necessario, per una questione di trasparenza, interpretarla in maniera chiara ed univoca: e' l'imprenditore che e' libero di scegliere, non se pagare o meno, ma solo le modalita' di pagamento dei propri debiti'' .

com-sgr/mau

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Nato
Emiliano: Trump ignora la Nato? Potremmo rinegoziare trattati
Pd
Emiliano: se qualcuno apre il congresso mi candido segretario Pd
Terremoti
Terremoto, Finocchiaro: Gentiloni pronto a riferire in Parlamento
Usa
Gentiloni: Trump? Collaboreremo ma abbiamo i nostri valori
Altre sezioni
Salute e Benessere
Nuove postazioni di telemedicina italiana no profit in Africa
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4